Menu

Crisi del grano, crollo dei prezzi: quali sono i rischi per il settore Made in Italy?

  • Scritto da Roberta De Carolis

efficienza agricoltura1

Grano, crollo dei prezzi nelle ultime settimane, una crisi che minaccia tutto il settore, uno dei tipici Made in Italy. Allarme lanciato da varie regioni italiane. L’intera produzione toscana è in pericolo, ma anche dalla Puglia e l’Emilia Romagna arrivano segnali preoccupanti (solo il mercato di Foggia ha perso il 17% solo nell’ultima settimana di giugno).

Ue, nuove misure contro le emissioni: bastano per gli obbiettivi fissati alla COP21 di Parigi?

  • Scritto da Roberta De Carolis

Cop21 ris2

Commissione Europea, presentato un pacchetto di misure per accelerare la transizione verso la riduzione delle emissioni di carbonio in tutti i settori dell’economia, con obbiettivi annuali, vincolanti per tutti gli Stati membri e che variano da Paese a Paese.

Amianto alla Olivetti: tutti condannati, 5 anni e 2 mesi ai De Benedetti

  • Scritto da Anna Tita Gallo

olivettisedeIl giorno della sentenza è arrivato. I riflettori erano puntati soprattutto su Carlo De Benedetti, imputato insieme al fratello Franco. Il tribunale di Ivrea ha condannato entrambi a 5 anni e 2 mesi per lesioni colpose e omicidio colposo in relazione a 10 casi di malattie da amianto alla Olivetti di Ivrea.

Strategia Energetica Nazionale: come raggiungere gli obiettivi per il 2030 fissati a Parigi?

  • Scritto da Roberta De Carolis

strategia energetica

Strategia Energetica Nazionale: quella approvata nel marzo 2013 ha un’orizzonte temporale al 2020, ma gli accordi della COP21 di Parigi fissano obiettivi al 2030. Sembra dunque indispensabile una strategia nuova, in linea con i tempi e gli obbiettivi.

#Seveso: a 40 anni dal disastro ambientale la diossina minaccia ancora l’Italia

  • Scritto da Anna Tita Gallo

sevesodiossina

Era il 10 luglio 1976 quando il reattore della Icmesa scoppiò. 2-3 kg di diossina fuoriuscirono ma la popolazione di Seveso fu avvertita soltanto una settimana dopo. Oggi la situazione dei fiumi lombardi non è ancora al meglio e, a distanza di 40 anni, Peacelink fa il paragone con le condizioni di Taranto e della popolazione che risiede nei pressi dell’Ilva.

Chi siamo

Network