Menu

avocado agricoltura cileNegli Usa, e in Nord America in generale la domanda di avocado è in crescita, quasi come se si trattasse di un’ossessione. La forte richiesta del frutto esotico starebbe prosciugando l’approvvigionamento idrico del Cile.

Quando in inverno la produzione di avocado in California rallenta, gli Usa si rivolgono al Cile e al Messico per soddisfare il fabbisogno di avocado. Ma le forniture hanno un prezzo molto caro per gli agricoltori colpiti dalla siccità in Cile.

Pare che qualsiasi supermercato del Nord America abbia ormai a disposizione degli avocado in ogni stagione per soddisfare le richieste della clientela. Si tratta forse della conseguenza di un graduale cambiamento degli stili alimentari, con il passaggio da alimenti ricchi di grassi animali ai cibi vegetali fonte di grassi benefici come l’avocado.

L’avocado ha ormai raggiunto la reputazione di “superfood”. La sua ricchezza di vitamine e sali minerali lo rendono un alimento salutare tra i preferiti dagli americani. I problemi sorgono quando, come in questo caso, un cibo esotico diventa troppo popolare in un luogo lontano dalla zona di coltivazione.

Quando la stagione degli avocado si conclude in California, a fine autunno, gli acquirenti nordamericani si rivolgono altrove, più a Sud. Stati Uniti e Canada sembrano sempre pronti all’acquisto della quantità massima possibile di avocado e ciò può avere un forte impatto sui Paesi in via di sviluppo.

Il 10% degli avocado consumati negli Usa provengono dal Cile. dove questo frutto è ormai conosciuto come oro verde. La coltivazione di avocado Hass è passata da 9 mila a 71 mila ettari negli ultimi 20 anni, dal 1993 al 2014.

Gran parte della coltivazione di avocado avviene purtroppo su colline in zone piuttosto aride, dove le precipitazioni sono minime e dove gli alberi di avocado avrebbero bisogno di 1 milione di litri d’acqua all’anno. Da dove si ricava l’acqua per l’irrigazione? Dai fiumi e dal sottosuolo, con la conseguenza di incrementare la siccità.

Non mancano le accuse al governo cileno per l’assenza di politiche per la gestione delle risorse idriche. La coltivazione di avocado porta gli agricoltori del Cile a ritrovarsi privi di acqua potabile. Civile Eats suggerisce, come soluzione, l’acquisto di avocado da piccoli produttori.

Ma oltre il 90% degli avocado venduti negli Usa provengono da grandi produttori. Si tratterebbe dunque di una proposta impraticabile data l’ingente domanda. E Chipotle sta già dicendo addio al guacamole nei menù dei fast food per via dei cambiamenti climatici che a loro volta mettono a rischio le coltivazioni di avocado.

Marta Albè

Leggi anche:

Cambiamenti climatici: Chipotle dice addio al guacamole nei fast food?

Nahtam: nuova azienda agricola biologica in Ghana per contrastare land grabbing ed emissioni di Co2

GreenBiz.it

Network