Menu

biologico usaNegli Stati Uniti il biologico continua ad acquistare popolarità, secondo il nuovo rapporto della Organic Trade Association. Le vendite totali hanno raggiunto i 35 miliardi di dollari nel 2013, con 32,3 miliardi provenienti dal settore alimentare, corrispondenti al 92% del totale.

Gli alimenti biologici rappresentano il 4% delle vendite complessive per il settore food negli Usa e la crescita è del 10% annuo dal 2010. Il mercato biologico a stelle e strisce sta attraversando una nuova fase di espansione, secondo quanto dichiarato da Laura Batcha, direttore esecutive dell’associazione.

Il rapporto dell’OTA rappresenterebbe il quadro più dettagliato del biologico Usa fino ad ora disponibile. Più di 200 aziende hanno risposto al sondaggio proposto, che è stato condotto quest’anno dal 27 gennaio al 4 aprile. Le aziende hanno comunicato dati relativi alle vendite, agli acquisti e alla crescita del fatturato.

La crescita riguarda anche i prodotti non-food, come piante e fiori, tessile, detergenti per la casa e articoli per animali. Le vendite da questo punto di vista nel 2013 hanno raggiunto la somma di 2,8 miliardi di dollari e sono aumentate di circa 8 volte dal 2002.

Solo 10 anni fa il biologico rappresentava una nicchia nella grande industria alimentare statunitense. Il settore ora continua ad essere guidato dalle vendite di frutta e verdura, per un totale di 11,6 miliardi. Il 10% della frutta e degli ortaggi venduti negli Stati Uniti sono certificati.

La crescita riguarda anche la categoria degli snack, del pane, della carne bovina, del pollame e del pesce. Risulta inoltre in espansione il comparto dei prodotti confezionati e dei piatti pronti, che contribuisce alle vendite alimentari bio per il 10% e per un totale di 4,8 miliardi di dollari. La crescita più lenta è relativa a formaggi e bevande.

La domanda di prodotti biologici è in salita, anche grazie a prezzi più accessibili. Una sfida che sta portando le maggiori catene di supermercato a presentare prodotti low cost con il proprio marchio. Non mancano comunque le sfide. L’intero settore dovrà impegnarsi a trasmettere ai consumatori il valore dei prodotti biologici dal punto di vista della salute e dell’alimentazione. Secondo l’OTA sarebbe proprio l’aspetto educativo e divulgativo a rappresentare l’ostacolo più critico da affrontare - soprattutto tenendo conto che gli Stati Uniti rimangono la patria del fast food.

Marta Albè

Leggi anche:

Farm Bill: negli USA 500 miliardi di dollari per l’agricoltura. Benefici per i produttori biologici

Biologico: negli Usa mercato in crescita del 14% CAGR fino al 2018

Global Organic Trade Guide: la piattaforma per importare e esportare prodotti bio USA

GreenBiz.it

Network