Menu

romania agricoltura biologicaLa Romania punta sul biologico e potrebbe raggiungere l'ambizioso obiettivo di raddoppiare il proprio impegno in agricoltura nei prossimi 7 anni.

Al momento il Paese vede la presenza di 400 mila ettari di terreno certificati, ma questa superficie potrebbe presto essere duplicata. Si tratta di quanto comunicato dal primo ministro Victor Ponta durante Indagra, la fiera dell'imprenditoria agricola che si è svolta a Bucarest dal 30 ottobre al 3 novembre 2013.

L'appuntamento con Indagra, salone dedicato al biologico, all'agricoltura e alla cosmesi naturale, ha ospitato nel 2012 oltre 40 aziende del settore e ha riconfermato il proprio successo nel 2013. "Abbiamo 400 mila ettari di superficie agricola certificata secondo i criteri del biologico, ma potremo raddoppiare la loro superficie nei prossimi 7 anni, o forse accrescerla ancora di più", ha dichiarato il primo ministro. La crescita sarà alimentata dal fatto che la Romania si trova al momento al centro della fiducia dei mercati internazionali, soprattutto quando ci si riferisce ai prodotti bio.

Il mercato del biologico ha visto una importantissima crescita negli ultimi anni, sia dal punto di vista dell'agricoltura, che delle vendite e dei consumi. Nel 2010 gli agricoltori rumeni hanno iniziato a ricevere dei sussidi finanziari per la conversione al biologico. Il loro numero, tra agricoltori e produttori, è cresciuto in modo esponenziale, da 3100 nel 2010 a 10 mila nel 2011, fino a ben 26 mila per quanto riguarda il 2012, secondo i dati comunicati da Bio Romania e dal Ministero dell'Agricoltura e dello Sviluppo Rurale. Dal 2010 ad oggi il numero di coltivatori biologici è dunque aumentato di oltre 8 volte. Si tratta per il Paese di un vero e proprio record a livello mondiale.

La Romania è attiva nel settore dell'esportazione soprattutto per quanto riguarda le materie prime, a partire da frutta e cereali. Lo scorso anno le esportazioni di prodotti biologici hanno toccato un valore pari a 200 milioni di euro, secondo i dati del Ministero dell'Economia e del Commercio. Nel 2007 gli ettari di terreno coltivati grazie all'agricoltura biologica e con certificazione erano soltanto 130 mila, una superficie che ad oggi si è più che triplicata. Si prevede che gli imprenditori agricoli certificati diventeranno 20 mila entro la fine dell'anno.

Nel 2012 le esportazioni di prodotti biologici sono cresciute del 10% su base annuale e ci si attende un dato analogo anche per il 2013. Non vi sarebbero al momento statistiche ufficiali legate ai consumi, ma si stima che abbiano superato i 100 milioni di euro nel 2013, secondo quanto dichiarato lo scorso settembre da Marian Cioceanu, presidente dell'associazione Bio Romania. Il Paese è dunque pronto a giocare le proprie carte per la crescita del settore, in un contesto sempre più europeo e internazionale.

Marta Albè

GreenBiz.it

Network