Menu

batterie 2030Sistemi di accumulo. Entro il 2030 le batterie per il fotovoltaico permetteranno lo storage di 150GW in tutto il mondo. Parola di Irena. L'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili sta lavorando sulla sua roadmap riguardante l'installazione di batterie a livello globale.

Il piano prevede di quadruplicare lo stoccaggio nei prossimi 15 anni, cercando di conservare una quantità di energia pulita pari a tutta la potenza solare installata in tutto il mondo fino ad oggi.

La road map potrebbe essere presentata ufficialmente nel corso della prossima estate dopo gli incontri avvenuti nei giorni scorsi tra politici, scienziati, economisti ed esperti alla Energy Storage Europe 2015 Conference and Expo, che ha avuto luogo a Dusseldorf.

La road map guiderà di i 139 stati membri dell'Irena sulle attività chiave necessarie a sostenere lo stoccaggio di energia per l'espansione globale delle energie rinnovabili”, ha detto l'Agenzia.

Secondo il report ReMap2030, la quota delle energie rinnovabili nel settore elettrico deve raddoppiare dal 20 per cento di oggi ad almeno il 40 per cento entro il 2030 per evitare gli effetti peggiori del cambiamento climatico e risolvere una serie di altre questioni socio-economiche. Per fare ciò, è stato stimato che occorrono 150 GW di batterie, rendendo lo storage un elemento vitale per l'espansione delle energie rinnovabili.

Dolf Gielen, direttore di Innovation and Technology Center di IRENA, ha spiegato che “i sistemi di storage di energia elettrica sono in grado di supportare la diffusione accelerata della produzione di energia da fonti rinnovabili in molteplici applicazioni, dal residenziale all'utility scale. La cooperazione internazionale per lo scambio di buone pratiche e per coordinare gli sforzi per ridurre i costi e facilitarne la distribuzione sono fondamentali in questa fase. Ed è per questo che la roadmap per lo storage dell'energia elettrica sarà determinante.”

Più di 40 politici provenienti da Africa, Asia, Europa e America Latina, ma anche Pacifico e Stati insulari dei Caraibi, hanno partecipato all'incontro tenuto da Irena.

In questa roadmap, lo stoccaggio di energia è solo una delle molte opzioni per l'integrazione delle energie rinnovabili. Altre opzioni che saranno discusse includono lo sviluppo e il rafforzamento delle reti e delle interconnessioni, le gestione della domanda e l'uso delle centrali dispacciabili e lo studio dei mercati per equilibrare l'offerta e la domandafa sapere Irena, secondo cui l'attuale diffusione di tecnologie di stoccaggio dell'energia elettrica è ancora limitata.

A lungo termine si dovrà arrivare fino a 600GW di capacità di storage per far fronte all'aumento di energia rinnovabile. Ad aiutare su questo fronte sarà anche l'aumento del volume di storage delle batterie, in crescita. Secondo Irena, quest'ultimo, basato sulle batterie agli ioni di litio, dovrà passare dai 100 MW del 2012 a circa 25GW nel 2020 e 150GW nel 2030.

Secondo i dati attualmente diffusi da Irena per ReMap2030, la diffusione delle energie rinnovabili sarà in grado di ridurre le emissioni annue di CO2 di 8,6 Gt entro il 2030. E il merito sarà anche dei sistemi di accumulo.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Sistemi di accumulo: ecco come sconfiggeranno le fossili entro il 2030

Sistemi di accumulo: nuove regole e scadenze dall'Autorità per l'energia

Fotovoltaico su tetto: 500mila dollari nei sistemi di accumulo in Australia

10 previsioni sul mercato fotovoltaico per il 2015

GreenBiz.it

Network