Menu

idroelettricoimpiantoLe rinnovabili sono fonti intermittenti e non apportano un contributo significativo alla rete elettrica. Falso. O comunque questi ragionamenti iniziano a fare acqua, come dimostrano gli ultimi dati della EnAPpSys, che prende in considerazione il Regno Unito ed evidenzia come da gennaio a marzo 2016 l’energia prodotta rinnovabili abbia battuto l'output sia di carbone che nucleare.

Sono soprattutto eolico e idroelettrico a determinare il risultato: il 22,4% del mix energetico totale arriva dalle rinnovabili. Il nucleare si ferma a quota 19% di energia prodotta, mentre il carbone a 16,2%.

Al primo posto sempre il gas naturale, che soddisfa il 35,4% della domanda, ma si può ipotizzare un calo di questa percentuale nei prossimi anni considerando che potrebbe diventare legge la promessa del governo inglese fatta a Parigi a dicembre, quella di una rete a emissioni zero entro il 2050.

È già capitato lo scorso anno, nel Q2, che le rinnovabili superassero sia carbone che nucleare ma la notizia è che questo è possibile e lo sarebbe ancora di più se i governi davvero decidessero di fare in modo che questo trend diventasse la normalità, con le rinnovabili in sostituzione delle altre fonti fino a soppiantarle totalmente nel mix energetico.

Proprio un mese fa circa, il ministro dell’Energia Andrea Leadsom ha parlato alla House of Commons e ha precisato che il governo è al lavoro su un piano che potrebbe essere legge entro fine anno. Significherebbe che gli obiettivi di ridurre le emissioni dell’80% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050 potrebbero diventare ancora più stringenti.

q1rinnovabili

“La questione non è se farlo, ma come farlo. Ci sono una serie di domande a cui prima occorre dare una risposta. Il Committee on Climate Change sta analizzando le implicazioni dell’impegno di Parigi e in autunno produrrà un report. Vogliamo tenere conto delle loro raccomandazioni”, ha aggiunto Leadsom, lasciando intendere che l'obiettivo è quello di una lotta sempre più incisiva contro le emissioni e i cambiamenti climatici, in linea con quanto emerso e promesso alla COP 21.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Rinnovabili: l'Italia raggiunge gli obiettivi europei al 2020. Il settore cresce nonostante il boicottaggio?

Rinnovabili: l’Europa perde terreno ma i governi non intervengono

Fotovoltaico: in Inghilterra gli impianti che proteggono la biodiversità

GreenBiz.it

Network