Menu

canada emissioni carbonio

Il Canada ha deciso di imporre un prezzo sul carbonio per colpire le provincie che non intervengono autonomamente per regolare le proprie emissioni inquinanti. Lo ha appena annunciato il ministro dell’Ambiente Catherine McKenna.

Il ministro ne ha parlato durante il talk show politico “Question Period” andato in onda ieri su CTV. Le nuove regole per le emissioni di Co2 entreranno in vigore ad ottobre. Per il momento non ha ancora parlato di multe per chi non si adeguerà.

Le 10 province del Canada sanno di dover intervenire per ridurre le emissioni di Co2 ma evidentemente non stanno facendo abbastanza. Il primo ministro Justin Trudeau lo scorso marzo aveva convinto le province ad accettare un compromesso in base a cui l’intervento per ridurre le emissioni cambierà a partire dalle condizioni di ciascuna zona.

Al momento le quattro provincie del Canada più grandi ed importanti, cioè Alberta, Ontario, British Columbia e Quebec hanno già una tassa sul carbonio o un sistema di limitazione delle emissioni. Le province stesse però sembrano contrarie ad un sistema imposto dal Governo.

Il Governo ora vorrebbe una certa uniformità tra le province nella riduzione delle emissioni, ma ciascuna dovrà poter adottare il metodo che preferisce per fissare le nuove regole.

Al momento non sappiamo se il Governo attuale cambierà i target per le emissioni che erano stati stabiliti dal precedente Governo conservatore. Il Governo precedente aveva promesso di ridurre le emissioni del 30% rispetto al 2005 entro il 2030. Si tratta di un obiettivo che ora il Ministro dell’Ambiente si augura di raggiungere.

Imporre un prezzo sul carbonio serve per far sì che i responsabili dell’inquinamento ne paghino le conseguenze. Ci auguriamo che il Canada riesca a trovare una strategia adatta per fare in modo che le industrie e le responsabili colpevoli di inquinamento si prendano le proprie responsabilità.

Già da tempo si parla di dare un prezzo al carbonio per salvare il Pianeta, come annunciato dalla Carbon Pricing Leadership Coalition alla Cop21 di Parigi. Staremo a vedere cosa succederà in Canada e in Europa.

Marta Albè

Leggi anche:

GreenBiz.it

Network