Menu

minieracarboneLo stato Usa del Wyoming sta valutando una proposta di legge che renderebbe fuorilegge le rinnovabili. Si chiama “Electricity Production Standard” e di fatto metterebbe al bando solare ed eolico.

La proposta autorizzerebbe la produzione di energia elettrica da parte delle utility utilizzando petrolio, gas naturale, carbone, nucleare e idroelettrico. Appunto, non figurano nella lista vento e sole come fonti. La multa per chi non rispetterà la norma sarebbe di 10 dollari per ogni MW prodotto utilizzando le rinnovabili.

Non so se prenderla seriamente”, ha commentato la repubblicana del Wyoming Marti Halverson. La proposta di legge è legata certamente al tentativo di promuovere maggiormente il carbone in certi stati in cui già la mentalità è legata alle fonti tradizionali, scalzate negli ultimi anni dal boom delle rinnovabili.

Anche nel Wyoming il carbone è una fonte su cui si conta da tempo: secondo uno studio del “Center for Energy Economics and Public Policy” del 2015 è stata anche la fonte di incoming maggiore per le casse dello stato dagli Anni Settanta in poi. Sempre secondo lo studio, nel 2012 rappresentava l’11,3% del Pil dello stato e impiegava l’1,8% della popolazione statale. Nel 2012 la tassazione diretta sulla produzione derivante dal carbone, inoltre, valeva 1,3 mld in termini di tasse locali.

Circa il 92% del carbone viene consumato per produrre energia elettrica e nel Wyoming la domanda è uno dei fattori critici: dal 2007 al 2013 la produzione di energia utilizzando carbone è calata di 430 mln di MWh, mentre quella utilizzando solare ed eolico è salita di 148 mln di MWh.

Inoltre, si tratta dell’unico stato in cui l’energia eolica viene tassata.

Non è un caso che gli investitori la scorsa estate abbiano abbandonato i piani di costruire il più grande parco eolico a Carbon County, preoccupati proprio dalla tassazione. I loro timori sembrano ora sempre più fondati.

Anna Tita Gallo

 

LEGGI anche:

Il Canada vuole eliminare il carbone (mentre Trump lo rilancia negli Usa)

Trump apre su accordo di Parigi, ma largo a shale gas e carbone

Emissioni globali in calo. La Cina si impegna, gli Stati Uniti di Trump faranno altrettanto?

GreenBiz.it

Network