Menu

irlandadivestE’ una mossa storica: l’Irlanda potrebbe essere il primo Paese al mondo a disinvestire totalmente dalle fonti fossili. In Parlamento è infatti passata con la maggioranza dei voti la Fossil Fuel Divestment Bill.

La legge in questione, passata alla Dáil, la camera bassa del Parlamento, è di fatto la prima nel suo genere e consente di svincolare da petrolio, carbone e gas qualcosa come 8 mld di euro.

Da Trócaire, il direttore esecutivo Éamonn Meehan, dichiara:

Il sistema politico irlandese finalmente ha preso coscienza di quello che la maggior parte già sa: dobbiamo combattere i cambiamenti climatici spegnendo le fonti fossili e bloccando la crescita delle industrie che alimentano la crisi”.

Di sicuro, come ribadisce anche Meehan, anche la semplice presentazione di una legge simile rappresenta un messaggio potente verso il resto del mondo, proprio in un momento storico in cui una figura che persino nega i cambiamenti climatici è arrivata alla Casa Bianca.

“Il supporto della maggioranza dei vontanti nell’Assemblea irlandese è un momento storico per i movimenti irlandesi di lotta ai cambiamenti climatici e ispirerà altri Paesi a seguirci”, aggiunge Meehan.

E speriamo che siano molti i leader politici e gli attivisti del mondo a scendere in campo più incisivamente nella lotta contro il riscaldamento globale del Pianeta, la stessa lotta che nelle scorse settimane Donald Trump ha cancellato dalle pagine online della Casa Bianca e continua ad ignorare.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Cambiamenti climatici: il disinvestimento è la tendenza del momento

Il Belgio dice addio al carbone: chiude l’ultima centrale

Cambiamenti climatici: i 6 impegni per la green economy dopo la Cop21

GreenBiz.it

Network