Menu

campusrinnovabiliSecondo un report dell'Environment America Research & Policy Center, negli Usa saranno college e università a guidare la concreta transizione verso un sistema energetico basato al 100% sulle rinnovabili.

Il report sottolinea che un passaggio completo alle energie pulite è infatti il modo migliore di queste realtà per raggiungere il proprio obiettivo di riduzione della carbon footprint, vale a dire tutte quelle misure che negli ultimi anni le istituzioni accademiche hanno fissato come target.

Ad esempio, la Cornell University a New York ha bisogno di confermare la propria leadership in fatto di cambiamenti climatici, quindi promuoverà misure a sostegno delle rinnovabili e guiderà insieme alle altre università la transizione.

Secondo il Department of Energy's National Renewable Energy Laboratory, si potrebbe alimentare tutta la nazione per 100 volte solo grazie al potenziale di energia solare sviluppabile e per 10 volte utilizzando l'eolico. Allo stesso tempo, esiste un'opportunità lampante di ridurre i consumi energetici attraverso il risparmio o l'efficienza.

Da Campus Sustainability (Cornell University), la direttrice Sarah Zemanick dichiara che raggiungere l'obiettivo di carbon neutrality entro il 2035 implica diventare anche dipendenti al 100% soltanto dalle rinnovabili, una situazione che appunto accomuna college e università di tutti gli Usa.

Il report che descrive questa situazione si chiama “Renewable Energy 100: The Course to a Carbon-Free Campus” e descrive il passaggio alle rinnovabili da parte delle realtà scolastiche proprio come qualcosa di necessario, ecco perché alla fine faranno da traino ed esempio.

E ci sono vari fattori a sostegno di questa tesi:

  • Devono offrire energia a tutte le attività degli studenti, quindi ne consumano molta;
  • spesso sono strutture con caratteristiche perfette ad ospitare progetti di sperimentazione delle rinnovabili;
  • possono risparmiare molto abbandonando le fossili ed investendo nelle fonti pulite;
  • sono leader per quanto riguarda formazione ed innovazione.

In altre parole, la transizione si realizza attraverso l'impegno di strutture come i campus che riescono allo stesso tempo a sperimentare, creare, formare, testare, accogliere scienziati e innovatori. Se fisseranno obiettivi severi da raggiungere e dimostreranno di riuscire a farlo allora sarà più semplice esportare i loro successi in tutti gli Usa e seguire il loro esempio come buona pratica di riduzione dell'impatto ambientale dei grandi consumatori di energia.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Cambiamenti climatici: il disinvestimento è la tendenza del momento

Cambiamenti climatici: i docenti dell'Università di Stanford si schierano contro le fossili

Cambiamenti climatici: il disinvestimento è la tendenza del momento

 

Network