Menu

fotovoltaico_bisDopo solo una settimana dalla sua costituzione, dozzine di società americane del settore dell’energia solare, che contano migliaia di lavoratori americani, hanno aderito alla Coalition for Affordable Solar Energy (CASE) con la finalità di sollecitare i rappresentanti a fornire il loro contributo per una soluzione dell'istanza presentata da SolarWorld negli Stati Uniti, tesa a bloccare la concorrenza nell’industria americana del settore.

La coalizione rappresenta ora 52 aziende americane del settore solare sparse su tutto il territorio degli Stati Uniti, che operano lungo tutta la value chain, con oltre 9.600 lavoratori il cui peso è pari a circa il 10% dell’intera forza lavoro dell’industria solare in America.

Ogni giorno, nuove società americane si schierano per opporsi al tentativo di SolarWorld di bloccare la concorrenza nell’industria americana del solare” ha detto Alan Epstein, presidente e COO di KDC Solar LLC, un nuovo membro di CASE basato in New Jersey. “La concorrenza è un fatto positivo per l’industria del solare statunitense, per i suoi lavoratori e per l’economia. L’industria solare deve rimanere unita nella sua missione di rendere l’energia solare accessibile a tutti", ha aggiunto Epstein.

I membri del CASE sono ampiamente rappresentativi dell’intera industria solare americana, e si tratta sia di grandi che di piccole società, inclusi produttori di silicio e di moduli, sviluppatori, società di servizi finanziari e immobiliari e installatori. “Quest’anno abbiamo assunto 400 nuovi addetti, tra cui elettricisti, carpentieri, venditori, operatori dei call center, sulla scia dello sviluppo del settore dell’energia solare catalizzatore di nuove opportunità economiche e di occupazione” ha detto Ken Button, co-fondatore e presidente di Verengo Solar Plus. “Se l’istanza di SolarWorld avrà successo, l’impatto negativo che ne deriverà colpirà l’intera industria americana del solare e ci chiediamo se i lavoratori di SolarWorld siano più importanti dei nostri”.

In un recente report sul settore solare, l’analista di Jefferies Jesse Pichel ha spiegato come l’istanza protezionistica di SolarWorld potrebbe danneggiare la crescita dell’intero settore del solare negli USA: “L’industria solare americana, che già soffre per la mancanza di finanziamenti, dovrà fare i conti con prezzi dei pannelli più alti e con una domanda che diminuirà se i dazi compensativi saranno imposti prima di Marzo 2012. La stessa SolarWorld potrebbe subire un forte contraccolpo, in presenza di sviluppatori e installatori statunitensi colpiti da questo provvedimento che mira a fare terra bruciata nell’intero settore", ha detto l'analista.

“Dobbiamo stare attenti a non mettere in pericolo 100.000 posti di lavoro nel tentativo di salvare i 1.000 di un’unica società in difficoltà. Per il 2012 è atteso un incremento di circa 24.000 posti di lavoro, ma se i costi del solare salissero a livello proibitivi tala crescita sarebbe seriamente compromessa”, ha aggiunto Button.

Redazione GreenBiz.it

 

GreenBiz.it

Network