Menu

I SEU attendono una regolazione dell'Aeeg da più di cinque anni, esattamente dal 3 luglio 2008. Eppure il loro sviluppo potrebbe ridurre la necessità di futuri investimenti nella rete di trasmissione e distribuzione e addirittura diminuire i prezzi all'ingrosso dell'energia elettrica, grazie all'abbassamento del carico residuo richiesto, permettendo contemporaneamente uno sviluppo senza incentivi delle fonti rinnovabili, dei sistemi di accumulo e delle tecnologie per la gestione intelligente dell'energia.

Per questo i Senatori Girotto, D'onghia, Bilardi, Tomaselli , Petrocelli, Di Biagio, De Petris, Scibona, Merloni, Castaldi, Di Maggio, Consiglio, Cioffi e Langella, hanno presentato un'interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, sulla regolamentazione dell'autoproduzione di energia tramite i Sistemi Efficienti di Utenza (SEU), le Reti Interne di Utenza (RIU) e lo scambio sul posto (SSP). La richiesta, ovviamente, è quella di sollecitare l'AEEG.

Tali schemi, previsti da un D.lgs del 2008 e richiamati da successivi provvedimenti, consentono a chi ha installato un impianto a fonte rinnovabile di vendere direttamente l'energia prodotta a un consumatore a lui contiguo. In tal modo, come viene sottolineato nell'interrogazione, si recepirebbe anche quanto previsto dalla Direttiva 2012/27/UE, che stabilisce norme atte a rimuovere gli ostacoli sul mercato dell'energia e a superare le carenze che frenano l'efficienza nella sua fornitura e utilizzo.

"Se i SEU non sono ancora operativi - denuncia il senatore Girotto - lo si deve all'inadempienza dell' all'Autorità per l'energia elettrica e il gas, che non solo da cinque anni continua a non definire le modalità per la loro regolazione, ma in documenti di consultazione ha addirittura proposto di applicare all'energia trasferita direttamente fra produttore e consumatore tutti i costi che dovrebbe sopportare se si utilizzassero le reti di trasmissione e distribuzione. Questo, in palese contrasto con quanto previsto dalla normativa vigente e con indicazioni dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato".

Per questo sarebbe opportuno confermare l'indirizzo di prevedere il pagamento degli oneri di sistema solo ed esclusivamente per l'energia elettrica prelevata dal punto di connessione. assoRinnovabili plaude all'interrogazione e ne condivide pienamente i contenuti. Dopo che l'AEEG, invece di adempiere ai suoi obblighi di regolazione attesi da più di 5 anni, aveva espresso una posizione contraria (nei DCO 183/2013/R/EEL e 209/2013/R/EEL) all'esenzione per i Sistemi Efficienti d'Utenza (SEU) dagli oneri di rete e di sistema, era necessario che il legislatore mettesse un punto fermo.

"Al Sen. Girotto va il grande merito – dichiara il presidente Re Rebaudengo - di aver ottenuto il consenso di tutte le forze politiche su un tema vitale per lo sviluppo delle energie rinnovabili nei prossimi anni. Ci auguriamo che il Ministro Zanonato risponda in tempi brevi all'interrogazione e confermi la posizione espressa da questa unanimità "di fatto" a favore dello sviluppo delle energie rinnovabili".

Per consultare l'interrogazione clicca qui

Roberta Ragni

LEGGI anche

- Fotovoltaico senza incentivi: l'AEEG rende inutili i SEU. Cosa avrebbe dovuto fare?

- Fiducia al Governo. Quali priorità per le rinnovabili?

GreenBiz.it

Network