Menu

rinnovbili spagnaNel 2012, l'energia prodotta dalle fonti rinnovabili ha contribuito per il 14,1% al consumo finale lordo di energia nei 28 paesi dell'Ue rispetto all'8,3 % nel 2004. il 2012 è il primo anno per cui sono disponibili i dati, resi noti ieri da Eurostat.

La quota di rinnovabili nel consumo finale lordo di energia è uno degli indicatori principali della strategia dell'Europa al 2020. Come sappiamo, l'obiettivo che i paesi dell'Unione dovranno raggiungere entro la fine del decennio è il 20% dell'uso di energie rinnovabili. In molti casi, tale target è stato già raggiunto.

I maggiori incrementi della quota di energie rinnovabili tra il 2004 e il 2012 si sono visti in Svezia, Danimarca e Austria, anche se le energie pulite sono cresciute in tutti gli Stati membri. La testa della classifica spetta però alla Svezia passata dal 38,7 % del 2004 al 51% del 2012. Seguono la Danimarca con un balzo dal 14,5% al 26%, l'Austria (dal 22,7% al 32,1 %), la Grecia (dal 7,2 % al 15,1 %) e l'Italia. Il nostro paese era partito da un misero 5,7 % e nel 2012 ha raggiunto il 13,5%. Tuttavia, di recente l'Istat ha rilevato la lentezza dell'Italia rispetto agli altri stati membri per consumi di energia pulita.

La tabella che segue mostra la quota di energia da fonti rinnovabili per Stato membro in percentuale rispetto al consumo finale lordo di energia.

tabella eurostat1

Le percentuali più elevate di energie rinnovabili nel consumo finale di energia nel 2012 sono state rilevate in Svezia (51% di energia da fonti rinnovabili sul consumo finale lordo di energia), in Lettonia (35,8 %) e in Finlandia (34,3 %). La più bassa invece è a Malta (1,4 %).

La tabella che segue mostra la quota di energia da fonti rinnovabili in percentuale rispetto al consumo finale lordo di energia dei 28 paesi dell'Ue.

tabella eurostat

Traguardi facilmente raggiungibili quelli dell'Ue, se ci considera che l'Estonia ha raggiunto nel 2011 l'obiettivo fissato dal 2020, e nel 2012 è toccato a Bulgaria, Estonia e Svezia ( rispettivamente 16%, 25% e 49%).

Dati che parlano da soli e che dovrebbero suggerire alle autorità europee che il nuovo pacchetto clima-energia al 2030 deve stabilire e pretendere obiettivi più ambiziosi.

Francesca Mancuso

LEGGI ANCHE

Rinnovabili: Italia solo decima in Europa per consumi di energia pulita

Rinnovabili: il 21% dell'energia consumata in Europa nel 2010 proviene da fonti pulite

Europa 100% rinnovabile entro il 2050 si può!

Co2 40%, rinnovabili 27%: l'accordo UE 2030 non soddisfa in pieno

GreenBiz.it

Network