Menu

kwh

É di nuovo boom per il mercato dell'efficienza energetica. Nel 2014 sono stati emessi 7,5 milioni di TEE (Titoli di Efficienza Energetica) contro i 6,1 milioni del 2013. Il risparmio di energia primaria conseguito nel 2014 è stato pari a 2,7 milioni di TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio) contro i 2,5 milioni dell'anno precedente.

Ed il 54% dei TEE è collegato a risparmi ottenuti mediante la riduzione dei consumi del gas, il 26% di energia elettrica ed il 20% per risparmi di altra natura. I Titoli di Efficienza Energetica hanno così segnato una crescita del 23% rispetto al volume dell'anno precedente e del 126% rispetto alla media degli ultimi 10 anni.

Nel decennio 2005-2014, sono stati emessi oltre 33 milioni di TEE, producendo un risparmio complessivo di oltre 22 milioni di TEP, prevalentemente nei settori particolarmente energivori quali raffinerie, cementifici, cartiere e vetrerie, puntualizzano gli esperti di Avvenia. La maggior parte dei TEE emessi nell'ultimo anno ha riguardato il settore industriale (80%), con una maggiore concentrazione in Lombardia, Puglia, Emilia Romagna e Veneto.

Oggi in questo settore sono attivi 4.490 operatori accreditati, 1.490 in più solo nell'ultimo anno e quasi il doppio del numero di operatori accreditati due anni prima. Il 79% di loro sono ESCo, società che effettuano interventi finalizzati a migliorare l'efficienza energetica assumendo su di sé il rischio dell'iniziativa e liberando il cliente finale da ogni onere organizzativo e di investimento, il 14% società di distribuzione di energia elettrica e gas.

"Quest'anno la vera novità è l'introduzione delle Diagnosi Energetiche Obbligatorie (DEO). Così nel 2015 protagoniste del boom di questo settore saranno prevalentemente le imprese del comparto manifatturiero, ma in seconda battuta anche il mondo del real estate, tutti alle prese con investimenti per abbattere i consumi dei processi produttivi", spiega l'ingegner Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia.

GreenBiz.it

Network