Menu

eolico monti 450L’era Crocetta in Sicilia è segnata da “incidenti di percorso” che affossano iniziative e svolte alle quali il presidente teneva molto. Basti pensare al tilt del Piano Giovani, a cui ora si aggiunge il No del Tar alle restrizioni che erano state previste per l’eolico.

L’EOLICO PER CROCETTA – In sostanza, Rosario Crocetta aveva in mente di limitare la diffusione dell’eolico ad aree ben precise, vale a dire a quelle che già ospitavano le turbine. Tutelare l’ambiente era l’obiettivo, inteso anche come tutelare da illeciti e malaffare, ma suonava un po’ controcorrente rispetto al via libera dato dal presidente allo sfruttamento dei giacimenti di gas e petrolio nel Canale di Sicilia.

IL TAR BOCCIA CROCETTA – In ogni caso, lo stop imposto all’eolico è stato bocciato dal Tar, che ha invece accolto il ricorso della Novawind Sicilia srl. La società punta da tempo a realizzare impianti da rinnovabili a Monreale, Mussomeli, Marianopoli e Custonaci. Dopo una serie di conferenze dei servizi al vetriolo, arriva il piano di Crocetta, proposto all’assemblea regionale siciliana, soluzione per evitare che le aziende “piazzino” turbine senza un controllo da parte delle istituzioni.

È già stato apprezzato dalla Giunta che delibererà alla prossima riunione. Subito dopo, chiederò in conferenza dei capigruppo all'Ars che il disegno di legge venga trattato in via prioritaria”, spiega Crocetta riguardo al piano. Ma, al di là di quanto sarebbe accaduto all’eolico, la preoccupazione del presidente è legata a questioni serie: “Proprio l'assenza di un piano è la causa che ha consentito alle aziende dell'eolico di essere autorizzate. Alcune di queste sono diretta espressione di Matteo Messina Denaro, come emerso dalle inchieste giudiziarie. Sono parecchi coloro che plaudono a questa sentenza del Tar, ma non c'è nulla da stare allegri. Chi esprime soddisfazione lo fa unicamente perché non ha mai tentato veramente di proporre una strategia di difesa del territorio”, dice.

I PRECEDENTIAnche la Regione Sardegna aveva provato a limitare le aree destinate alla realizzazione di impianti eolici, ma la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittime la legge regionale n.25/2012 (art. 8, comma 2). Insomma, il No del Tar a Crocetta era quasi annunciato.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Eolico in Sicilia? Non s'ha da fare, parola di Crocetta

#Trivelle canale di #Sicilia: Greenpeace e Wwf in piazza

Eolico: la consulta boccia i limiti imposti dalla Sardegna

GreenBiz.it

Network