Menu

immagineVivere in prossimità di impianti eolici non comporta nessun rischio per la salute umana. La conferma viene da uno studio scientifico del MIT, in cui i ricercatori affermano che non c'è correlazione tra le emissioni acustiche delle turbine e malattie, disturbi o altri indicatori di danno per la salute umana.

Per giungere a questa conclusione i ricercatori del MIT hanno analizzato gli effetti sulla salute, tra cui anche lo stress, i disturbi del sonno e altre patologie spesso erroneamente associate alla vicinanza di impianti eolici. Hanno considerato numerosissimi casi studio sia in America che in Europa per valutare l'impatto delle emissioni acustiche, incluse quelle nell'infrasuono, sulla qualità della vita delle popolazioni residenti nei centri abitati limitrofi agli impianti.

In particolare, da un caso studio nella Polonia del Nord, considerato il più ampio studio scientifico sul rumore delle turbine eoliche, è emerso che la qualità della vita è migliore proprio nei centri abitati siti in zone limitrofe ai parchi eolici, mentre i peggiori indicatori di qualità della vita sono stati riscontrati nei territori a più di 1.500 metri di distanza dalle turbine.

Le conclusioni del report evidenziano non solo che vivere in prossimità di impianti eolici non comporta nessun rischio per la salute umana, ma anche che in alcuni casi potrebbe migliorare la qualità della vita. A fronte dei risultati ottenuti dal MIT, l'ANEV invita le istituzioni nazionali e locali a considerare sempre più "le risultanze scientifiche di studi prodotti da Istituti universitari ed Enti di Ricerca di rilevanza comprovata, come appunto il MIT, a dispetto di affermazioni sensazionalistiche e prive di basi scientifiche".

Per consultare lo studio clicca qui

Leggi anche:

L'eolico non uccide gli uccelli. Anzi, li salva. Il falso mito sfatato

GreenBiz.it

Network