Menu

turbina aquilonia

Eolico, un incidente avvenuto in provincia di Avellino il 6 febbraio richiama alla necessità di regole certe per tutelare le turbine usate. Ad Aquilonia si è verificata la rottura e la caduta di una turbina eolica. Si è trattato di un incidente che secondo l’Anev si sarebbe potuto evitare utilizzando criteri tecnici rigorosi tipici dei soggetti industriali qualificati che operano nel settore.

Le notizie hanno parlato di una pala eolica impazzita andata in pezzi sotto gli occhi dei passanti, che per fortuna non hanno riportato alcun danno. La pala eolica ha iniziato a girare molto velocemente per poi disintegrarsi e ridursi in mille pezzi. Solo tanta paura ma le conseguenze avrebbero potuto essere ben più gravi.

Anev torna dunque ad invocare regole certe che garantiscano chi acquista turbine eoliche e chi le deve gestire.

Già da tempo infatti l’Anev sollecita la definizione di criteri chiari per la certificazione e l’installazione delle turbine usate che garantiscano la sicurezza del funzionamento delle macchine e la correttezza amministrativa del loro utilizzo.

La significativa riduzione del livello di incentivazione e le lunghe e gravose procedure autorizzative che rendono incerta la tempistica e l’esito del percorso amministrativo, hanno spinto molti piccoli investitori a cercare soluzioni più economiche che purtroppo non sempre garantiscono il necessario livello qualitativo.

Questo brutto episodio, secondo Anev, deve quindi far sì che eventi analoghi non possano più accadere e devono impegnare chi è preposto a fare le verifiche del caso ad intervenire nella individuazione delle responsabilità eventualmente accertate affinché vengano puniti i responsabili.

L’Associazione chiede quindi che in tempi brevi si faccia chiarezza per evitare il ripetersi di avvenimenti simili a quello verificatosi nel comune di Aquilonia, che avrebbe potuto creare una situazione di pericolo per i presenti. Ma bisogna anche evitare strumentalizzazioni e generalizzazioni che danneggerebbero la stragrande maggioranza degli operatori seri che operano nel rispetto delle norme tecniche e delle procedure operative più rigorose proprio per evitare che tali gravi eventi si possano verificare.