Menu

fotovoltaico 1 dollaro watt sunshot initiativeIn Germania, due installatori su tre di fotovoltaico ora offrono sistemi di accumulo di energia. Lo ha annunciato EuPD Research nel suo nuovo rapporto che ha messo a confronto le tecnologie dedicate allo storage nei principali paesi europei.

Nel dossier “European PV storage market insights 2014”, la società di ricerche ha analizzato lo sviluppo del mercato dello stoccaggio notando le differenze tra gli installatori dei principali paesi: Germania, Regno Unito, Italia, Benelux e Francia. La scelta è ricaduta su tali aree considerate esempi di mercato, dove lo storage esiste già, anche se in misura differente.

La relazione ha preso come punto di partenza l'ipotesi che lo stoccaggio insieme ad una migliore gestione energetica aiuterà i paesi dell'UE a raggiungere gli obiettivi per le energie rinnovabili. Inoltre, secondo EuPD lo storage è in grado di diventare sempre più importante per l'industria del fotovoltaico, un valore aggiunto che gli installatori possono fornire.

In testa, troviamo la Germania con due terzi degli installatori in grado già di offrire sistemi di storage, grazie anche ai finanziamenti agevolati offerti agli utenti. Seguono poi Italia e Gran Bretagna, con un terzo delle aziende intervistate pronte a soddisfare tale esigenza entro quest'anno. Seguono poi Benelux e Francia.

grafico storage1

Secondo l'analisi di EuPD, gli installatori francesi intervistati non hanno intenzione di offrire più sistemi di storage quest'anno rispetto agli anni precedenti, con i prezzi dell'elettricità francese che rimangono relativamente bassi.

Dal canto loro, i paesi del Benelux non sono ancora pronti per il grande salto perché non hanno un saldo mercato, anche se il potenziale di crescita è stato buono soprattutto laddove il mercato fotovoltaico dominante era quello legato ai tetti solari.

Che i sistemi di accumulo siano il futuro, e ormai il presente, del fotovoltaico sembra essere sempre più una certezza. Un altro studio condotto di recente da GMT ha addirittura calcolato che entro il 2020, a partire dagli Usa, si assisterà ad un vero e proprio boom. Ma senza attendere così tanto, secondo Anie, anche il 2015 potrebbe già essere l'anno di svolta.

Francesca Mancuso

LEGGI ANCHE:

Sistemi di accumulo, inverter e colonnine di ricarica: 2015 anno di svolta

Sistemi di accumulo per fotovoltaico: parola d'ordine autoconsumo

GreenBiz.it

Network