Menu

cina fotovoltaico 70 gw 2017La National Development and Reform Commission, superministero economico della Repubblica Popolare Cinese, annuncia nuovi target per il fotovoltaico nel 2017: entro quella data, nell'intero territorio della Cina, saranno installati 70 GW di pannelli solari fotovoltaici.

La notizia, pubblicata da diverse testate economiche tra le quali anche Bloomberg, non riguarda solo il fotovoltaico che, di fatto, raddoppia il precedente target fissato per il 2015. Anche le altre fonti rinnovabili hanno ricevuto un ritocco verso l'alto e, sempre entro il 2017, la Cina toccherà i 150 GW di eolico, 330 GW di idroelettrico e 11 GW di biomasse.

Se tutta questa potenza verrà effettivamente sviluppata la Cina potrà ottenere circa il 13% del suo fabbisogno elettrico dalle rinnovabili, diminuendo di conseguenza la sua dipendenza dalle fonti fossili e il conseguente inquinamento. Problema la cui soluzione è ormai inderogabile nel Paese asiatico.

Il rovescio della medaglia è che crescerà anche la potenza nucleare installata (40 GW nel 2015 e 50 GW nel 2017) e verranno potenziate le estrazioni nazionali di metano, shale gas e coal bed methane, il gas intrappolato nelle miniere di carbone che si estrae con una tecnica molto simile al fracking.

Oggi la Cina ha circa 20 GW di fotovoltaico installato e l'eolico soddisfa appena il 2% del fabisogno nazionale. Secondo la NDRC entro il 2017 almeno il 15% dei consumi di metropoli come Pechino, Tianjim e Tangshan dovrà essere coperto dalle energie pulite.

Per quanto riguarda l'uso a fini energetici del carbone, invece, la Cina sta per toccare il picco e, a partire dal 2020, potrebbe iniziare a ridurre il consumo di questa sporchissima fonte fossile.

Così credono il Grantham Research Institute on Climate Change and the Environment e il Centre for Climate Change Economics and Policy della London School of Economics and Political Science che, in un recente report, ipotizzano il 2020 come data limite entro la quale il consumo cinese di carbone dovrebbe segnare una inversione di tendenza.

Peppe Croce

Leggi anche:

Fotovoltaico cinese: anche l'Australia avvia indagine anti-dumping

Ansaldo Energia: a Shanghai Electric il 40%. C'è l'accordo

Rapporto Irex: un terzo delle rinnovabili è installato nei PVS

Fotovoltaico: i 15 principali fornitori di moduli del 2013. In testa Cina e Giappone

GreenBiz.it

Network