Menu

fv galleggiante indiaPotrebbe essere il parco fotovoltaico galleggiante più grande del mondo. Sorgerà in India, dove si sta lavorando alla sua progettazione. A regime, la distesa di pannelli a pelo d'acqua permetterà di produrre 50 MW di energia.

Dopo il parco nel deserto, arriva quello sull'acqua. A lavorare sul progetto è NHPC, la National Hydro Power Corporation, il principale produttore di energia idroelettrica indiano. La società sta puntando a realizzare un progetto fotovoltaico nei bacini dello stato meridionale del Kerala, col sostegno di Renewable Energy College, che fornirà know-how tecnico e assistenza per l'installazione del impianto fotovoltaico galleggiante.

La tecnologia alla base dell'impianto è stata sviluppata lo scorso anno da un team guidato da Gon Choudhury, Presidente di Renewable Energy College. Il primo progetto pilota partirà a ottobre in un lago nella periferia di Calcutta, nel Bengala occidentale. Qui si prevede di generare circa 12 kilowatt già da ottobre. Il finanziamento per il progetto pilota è stato fornito dal Ministero delle energie nuove e rinnovabili (MNRE).

La tecnologia è abbastanza semplice. I pannelli solari saranno installati su piattaforme galleggianti che andranno ancorate saldamente per evitare l'ondulazione dei pannelli sulla superficie dell'acqua. Gli scienziati responsabili dei progetti stanno ancora lavorando sui modi per far sì che la piattaforma rimanga stabile in caso di forte vento. Il progetto potrà beneficiare anche degli incentivi statali. Il costo per l'installazione è in media di 1,18 milioni per MW con costi di produzione di $0,13 per unità. Il costo approssimativo del progetto sarebbe di circa 64-72 milioni di dollari.

La tecnologia dovrebbe garantire una maggiore resa rispetto ai pannelli solari installati sulla superficie. Gli sviluppatori del progetto vedrebbero un notevole risparmio sui costi del progetto, come quelli per acquistare o affittare terreni e i costi di bonifica.

Il sistema avrà anche il vantaggio di ridurre l'evaporazione, contribuendo così a preservare i livelli di acqua durante l'estate. I pannelli solari installati a terra, invece, devono affrontare la riduzione del rendimento legata al riscaldamento della terra. Quando invece i pannelli si trovano sulle piattaforme galleggianti, il problema del riscaldamento è in gran parte risolto.

Siamo stati contattati dalla Chilika Development Authority (CDA) di Orissa e dall'Autorità aeroportuale di Kerala per la creazione di strutture simili anche lì. Mentre il lago Chilika ha una superficie di oltre 1.100 km quadrati, l'aeroporto di Kerala ha un bacino d'acqua enorme”, ha dichiarato Gon Choudhury.

Quando il progetto è stato commissionato dalla NHPC, ha tolto il primato al Giappone che aveva finora il più grande impianto galleggiante del mondo. L'anno scorso il West Holdings Group aveva commissionato un impianto fotovoltaico da 1,2 MW su un bacino di Okegawa City, formato da 4.500 pannelli galleggianti su una superficie di circa 12.400 metri quadrati di mq. Anche l'Italia ha aperto al fotovoltaico galleggiante. Qualche mese fa, la Provincia di Bolzano ha chiesto all'Eurac di effettuare alcuni esperimentiper valutare l'impatto delle isole solari nei laghi, ad esempio nel bacino di Resia.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Alto Adige: nel lago di Resia arriva il fotovoltaico galleggiante

Fotovoltaico: in Svizzera tre isole solari galleggianti

India: le rinnovabili mettono in crisi il carbone

India: il nuovo Governo punta tutto sul fotovoltaico

L'India 100% rinnovabile entro il 2050?

Fotovoltaico in India, nuovo parco nel deserto per IBC Solar

GreenBiz.it

Network