Menu

Forte l'adesione all'azione legale di assoRinnovabili e Confagricoltura contro lo Spalma Incentivi: sono oltre 1.100 le aziende che hanno presentato ricorso al Tar del Lazio, depositato il 9 dicembre scorso. Parte, infatti, il primo ricorso contro lo Spalma Incentivi.

Le azioni giudiziarie, alle quali hanno aderito più di 350 imprese agricole socie di Confagricoltura, sono dirette a contestare la costituzionalità della norma e quindi ad ottenerne l'abrogazione. La rimodulazione degli incentivi prevista dalle norme di legge destabilizza profondamente il settore dal punto di vista economico ed ha fatto venir meno la certezza del diritto, dal momento che, il provvedimento, agendo retroattivamente, incide pesantemente su tutte le convenzioni siglate tra i produttori ed il GSE.

Confagricoltura evidenzia che sono migliaia le imprese agricole a cui si applicherà, a partire dal 1 gennaio 2015, la riduzione degli incentivi. Nel settore agricolo, infatti, sono stati installati più di 1500 MW, calcolando i soli impianti di potenza superiore a 200 kW, con circa 9 miliardi di investimenti. Nei prossimi giorni sarà conclusa la fase di presentazione dei ricorsi. E intanto assoRinnovabili ricorda che lo Spalma Incentivi non è solo fotovoltaico. Ora ad essere in pericolo sono anche le aziende green non fotovoltaiche che beneficiano di incentivi sotto forma di certificati verdi, tariffe onnicomprensive o tariffe premio il cui periodo incentivante termini dopo il 31 dicembre 2014.

A tutti questi produttori si chiede, infatti, di aderire ad un sistema definito ironicamente "volontario" che prevede il mantenimento dell'attuale incentivo rimodulato, però, su un periodo più lungo (di 7 anni). Il non aderire alla "spalmatura" comporta l'impossibilità per 10 anni, a partire dal termine del periodo di incentivazione, di accedere a possibili sistemi di sostegno futuri.

LEGGI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI SU TAGLIA BOLLETTE E SPALMA INCENTIVI

Leggi anche:

Rivolta delle rinnovabili contro Spalma incentivi. Depositato ricorso

Spalma incentivi illegittimo: rinnovabili a raccolta per i ricorsi

GreenBiz.it

Network