Menu

fotovoltaico_trisIn Puglia è partito ufficialmente il progetto sulle cosiddette “pensiline fotovoltaiche”, cioè il progetto che riguarda la realizzazione di impianti da parte di imprenditori-locatari che possono prendere in affitto le aree pubbliche, i tetti, i parcheggi, le pensiline e le coperture di edifici pubblici da poter sfruttare per produrre energia elettrica da fonte solare. Sono dunque al via le selezioni per la scelta degli imprenditori-locatari che intendono prendere in affitto pensiline, parcheggi, coperture di edifici pubblici e che verranno iscritti in un albo regionale. Grazie all'inserimento in questo elenco, i soggetti interessati potranno partecipare alle gare indette dagli Enti locali e, aggiudicandosele, installare le pensiline. In questo modo la regione Puglia intende destinare i pannelli fotovoltaici non più alle campagne ma alle aree urbane.

Si tratta di una strada che permetterà alla Regione di aumentare gli impianti fotovoltaici con una potenza installata medio/piccola sul suo territorio. Come sappiamo la Puglia è ormai dichiaratamente all’avanguardia in questo settore: svetta in Italia in quanto a potenza installata cumulata, ma è al secondo posto nazionale, dopo la Lombardia, per quel che riguarda il numero di impianti. Sul territorio lombardo esiste infatti una maggiore diffusione di impianti fotovoltaici di piccolo taglio.

Come spiega un comunicato della regione Puglia, l’albo sarà strutturato in 3 categorie, a seconda della dimensione degli impianti fotovoltaici da realizzare: la categoria I riguarderà la realizzazione di impianti tra 200 e 300 kW, la categoria II sarà relativa a strutture di potenza tra 300 e 600 kW e la categoria III riguarderà gli impianti di potenza superiore ai 600 kW. In questo elenco potranno essere inseriti, continua la nota regionale, gli imprenditori individuali (anche artigiani), le società commerciali, le società cooperative, i consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro, i consorzi stabili, i raggruppamenti temporanei di concorrenti, i consorzi ordinari di concorrenti, i soggetti che abbiano stipulato il contratto di gruppo europeo di interesse economico, gli operatori economici stabiliti in altri Stati membri purché abilitati e iscritti al registro delle imprese delle Camere di Commercio o, se stranieri, nel registro professionale dello Stato di residenza.

Istituendo l’albo degli imprenditori-locatari intenzionati a costruire le pensiline, ha spiegato la vice presidente e assessore allo Sviluppo economico, Loredana Capone, “la Regione Puglia scrive una nuova pagina nella storia delle rinnovabili in Puglia, nella quale sviluppo economico e difesa dell'ambiente sono unite in un binomio indissolubile. Questa è l'idea di economia verde che il governo Vendola sta costruendo per la Puglia e in questa direzione intendiamo camminare a dispetto degli ostacoli che il Governo centrale sta mettendo sulla nostra strada''.

Redazione GreenBiz.it

 

GreenBiz.it

Network