Menu

accumulofvIl fondo tedesco dedicato ai sistemi di accumulo riceverà incentivi fino al 2018. Dal ministero dell’Economia e dell’Energia arriveranno infatti 30 mln di euro nell’ambito di un programma che parte il 1 marzo e che finora ha comunque dato risultati molto positivi.

A monte, il successo dello sviluppo tecnologico di questi sistemi, che hanno offerto una spinta notevole all’industria del fotovoltaico, dopo anni di stagnazione. Per i proprietari di case che vogliono installare un sistema di accumulo abbinato al proprio impianto fotovoltaico sono previste condizioni agevolate attraverso la KfW, la banca pubblica.

Si era pensato che il programma sarebbe terminato nel 2016, raggiunti comunque gli obiettivi, ma poi è stato esteso e rivisto in funzione del calo dei costi.

Conosceremo presto tutti i dettagli, sappiamo però già che la prima fase ha dato ottimi risultati: 19 mila sistemi installati e un investimento da parte dei consumatori che si aggira attorno ai 450 mln di euro dal lancio, nel 2013.

La mossa ovviamente è stata accolta con favore dal partito ambientalista dei Verdi, ma con qualche critica per il ritardo:

Il ministro dell’Economia avrebbe potuto salvare produttori e consumatori, evitando l’incertezza degli ultimi mesi, se avesse varato le nuove norme già dall’inizio”, dichiara infatti Julia Verlinden.

In ogni caso, fino al 30 giugno di quest’anno il rimborso sarà pari al 25%, poi diminuirà progressivamente fino al termine del programma. Di sicuro un documento prevede che il programma di incentivi sia esteso e presto si conosceranno i dettagli precisi.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Sistemi di accumulo e fotovoltaico: negli Usa 18 mln di dollari per 6 progetti dedicati allo storage

Global Opportunity Report: le 5 problematiche che nel 2016 possono diventare opportunità

Autoconsumo: Mise e Aeegsi bloccano la realizzazione dei SDC, nessun ripensamento

GreenBiz.it

Network