Menu

PV USAL'energia solare ha rappresentato la migliore fonte di produzione di nuova energia elettrica degli Stati Uniti nello scorso mese di marzo. A sostenerlo, la Federal Energy Regulatory Commission (FERC's) nel suo Energy Infrastructure Update che ha evidenziato come in questo ultimo mese gli unici nuovi impianti entrati in esercizio siano stati quelli fotovoltaici.

Grazie ad essi, più di 44 megawatt di energia elettrica prodotta a marzo 2013 negli Stati Uniti proveniva da energia solare, una prima assoluta per un tipo di industria in piena espansione. La Solar Energy Industries Association (SEIA), l'associazione americana delle industrie fotovoltaiche, ha sottolineato questo notevole traguardo lo scorso 11 aprile, dopo la pubblicazione del report da parte della FERC.

I 44 MW di capacità elettrica solare sono stati assorbiti da ben sette progetti, dislocati in California, Nevada, New Jersey, Hawaii, Arizona e North Carolina. Nello specifico, 26 MW per il progetto NRG Energy Borrego; 3 MW per il Waste Water Treatment Plant Solar Array di Las Vegas; 5 MW utilizzati dal KDC Solar LLC's del North Jersey Media Group Rockaway Solar; 6 megawatt nel Kalaeloa Solar One nell'Honolulu County e 1,9 megawatt per il Bosch Maui County Solar Installation; 1.15 MW nel Tanque Verde Unified School District Solar e, infine, 1,3 MW da parte del Greensboro Natural Science Center del North Carolina.

fotovoltaico-ferc

"Questo dice molto degli straordinari passi avanti che abbiamo fatto negli ultimi anni per ridurre i costi e far decollare la distribuzione", ha dichiarato il CEO di Seia Rhone Resch, Rhone Resch. "Dal 2008, la quantità di energia solare che alimenta le case degli Stati Uniti, le imprese e le basi militari è cresciuto di oltre il 600 per cento, passando da 1.100 megawatt a oltre i 7.700 di oggi. Come suggerisce il rapporto pubblicato da FERC, e come prevedono molti analisti, il solare crescerà diventando la più innovativa fonte di energia della nostra nazione per i prossimi quattro anni".

È anche indicativo un trend di crescita nella distribuzione del solare. La produzione di energia solare, infatti, nel primo trimestre 2013, ha fornito 537 megawatt degli oltre 1.880 MW di potenza disponibili. Si tratta del 30 per cento della capacità di produzione, sempre secondo quanto riporta SEIA. Il solare, inoltre, è stato superato solo dall'eolico, che ha aggiunto 958 megawatt di capacità di produzione alla rete statunitense.

Il report riguarda solo i grandi impianti di generazione e non prevede i sistemi ad uso delle abitazioni o delle piccole imprese che, tuttavia, sono degni di nota. Dopotutto, proprio questi ultimi, infatti, "rappresentano più della metà di capacità elettrica solare di tutti gli Stati Uniti", secondo la SEIA. "Nel 2012, gli Stati Uniti hanno raggiunto una maggiore capacità solare degli tre anni precedenti", ha aggiunto Resch. "Questi nuovi dati forniti da FERC supportano la nostra previsione che il solare continuerà ad essere un modello di crescita nel 2013, con l'aggiunta di altri 5,2 GW di capacità elettrica solare".

SEIA ha attribuito la crescita del solare in parte all'abbassamento dei costi del fotovoltaico, sceso di quasi il 40 per cento negli ultimi due anni. Tuttavia, anche altri fattori sono in gioco. Ad esempio, gli standard elevati delle energie rinnovabili hanno portato ad investire maggiormente nel solare. E gli investitori stessi hanno oggi sempre più familiarità con i vantaggi del solare, finanziando più facilmente gli stessi progetti.

Federica Vitale

Leggi anche:

Fotovoltaico: genera più energia di quella necessaria per produrre e installare i pannelli solari

- Dazi pannelli cinesi: negli Usa si tenta di eludere le misure antidumping

GreenBiz.it

Network