Menu

fotovoltaico 00Dopo un disastroso 2011, il 2012 ha dato un po' di tregua la mercato globale del fotovoltaico, facendo segnare una lieve crescita nelle installazioni, con un 2% in più, accompagnata da un calo del 2% nella produzione.

Secondo i dati pubblicati di recente da GTM Research, una società di analisi e consulenza specializzata nel solare, nel 2012 la produzione totale di celle e moduli ha toccato, rispettivamente, i 32,2 GW e i 35,9 GW, con un calo su base annua del 2%, che dimostra come gli operatori del settore abbiano imparato la dura lezione del 2011, quando il rifiuto di contenere la produzione ha condotto ad una disparità del 42% tra moduli prodotti e moduli installati.

La diminuzione della produzione registrata nel 2012 inverte la tendenza progressiva che aveva caratterizzato il settore: dal 2006 al 2011 la produzione di celle e moduli fotovoltaici era sempre aumentata di anno in anno, ad un tasso annuo composto del 68%.

Il grafico che segue mette in evidenza lo stato della produzione dal 2007 al 2012:

Global PV Cell Module Production

Tra i Paesi produttori, la Cina continua a primeggiare, con il 63% delle celle e il 64% dei moduli, facendo registrare un incremento del 5% rispetto al 2011. Nel complesso, nel 2012 l'Asia ha dominato il mercato, grazie anche a Giappone, Taiwan e Corea del Sud, con l'86% della produzione globale di moduli e il 95% di quella delle celle. Al contrario, la produzione annuale in Stati Uniti ed Europa è letteralmente crollata, con un calo, rispettivamente, del 20% e del 25%.

Il grafico sottostante mostra la produzione di moduli fotovoltaici per area geografica:

PV Module Production Regional

Per quanto riguarda le tecnologie, mentre la produzione di moduli c-Si è rimasta sostanzialmente stabile a circa 31,3 GW, quella di film sottile è scesa del 18% rispetto al 2011, facendo segnare un calo per il terzo anno consecutivo e toccando il livello più basso dal 2006. La situazione riflette la drastica diminuzione dei costi di produzione e l'aumentata efficienza dei moduli c-Si, che hanno messo (e metteranno) a dura prova il mercato del film sottile.

Tra le aziende produttrici, anche nel 2012 spiccano le società cinesi. Per quanto riguarda i produttori di moduli, in testa alla classifica c'è, per la prima volta, la Yingli Solar, che ha soppiantato la Suntech, scesa al secondo posto dopo due anni di dominio incontrastato. Completano la Top 5 First Solar, Trina Solar e Canadian Solar, come mostra il grafico che segue:

toplist fotovoltaico 000

Yingli Solar domina anche il mercato delle celle, con quasi 2.359 MW. Seguono JA Solar (1.785 MW), Trina Solar (1.613 MW), Suntech (1.574 MW) e la taiwanese Motech (1.309 MW).

Per il 2013, GTM Research prevede che il settore del fotovoltaico continuerà a lottare con il problema della sovrapproduzione e con la necessità, da parte delle aziende produttrici, di razionalizzare ed equilibrare meglio la propria offerta. Le installazioni dovrebbero raggiungere i 34 GW, contro i 28,8 GW del 2012, dando un po' di respiro al mercato.

Il primo trimestre del 2013 ha già fatto registrare dei piccoli segnali di ripresa, con la stabilizzazione dei prezzi dei componenti fotovoltaici e un aumento della domanda nei mercati emergenti di America Latina, Medio Oriente e dei Paesi asiatici del Pacifico.

Lisa Vagnozzi

GreenBiz.it

Network