Menu

contotermico2015

Conto termico, com'è andata tra il 2013 e il 2014? A fornire i dati aggiornati è stato il Gse, secondo cui nel periodo tra giugno 2013 e dicembre 2014 sono state trasmesse 9.822 richieste di concessione degli incentivi mediante le diverse modalità, di cui 9.658 con la procedura di Accesso Diretto.

Tra queste ultime le richieste valutate positivamente e che hanno un contratto attivato entro il 31 dicembre 2014 sono state 7.720, di cui 7.599 da parte di Soggetti privati e 121 da parte di PA Gli incentivi impegnati relativi alle richieste in Accesso Diretto con contratto attivato ammontano a circa 23,8 milioni di Euro (20,2 milioni di Euro per i Soggetti privati e 3,6 milioni di Euro per le Amministrazioni pubbliche).

Secondo quanto previsto dall’art. 13 del decreto ministeriale 28 dicembre 2012, sono ammessi infatti agli incentivi sia la Pubblica Amministrazione che i privati. La prima ha la possibilità di richiederli per interventi di incremento dell’efficienza energetica in edifici esistenti (isolamento involucro opaco, sostituzione chiusure trasparenti, generatori a condensazione, sistemi di schermatura e/o ombreggiamento) e interventi di piccole dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza (generatori a pompa di calore, generatori a biomasse, solare termico, scaldacqua a pompa di calore). I privati invece hanno accesso agli incentivi solo per questa seconda categoria

In attesa delle modifiche attese dopo l'estate, il Decreto prevede un impegno di spesa annua cumulata che non può essere superato e differenziato per i Soggetti pubblici e privati e che prevede 200 milioni di euro per interventi realizzati/da realizzare da parte della PA e 700 milioni di euro per interventi realizzati/da realizzare da parte di Soggetti privati.

risultatigse

Tre sono le modalità di accesso ai meccanismi di incentivazione:

1. ACCESSO DIRETTO

Si tratta di una procedura disponibile per Soggetti Ammessi sia pubblici sia privati; è consentita dopo la conclusione degli interventi. L'Accesso Diretto ha rappresentato la procedura di richiesta dell’incentivo più utilizzata, con 9.658 RCI e con una maggiore partecipazione (in termini di RCI inviate) da parte dei Soggetti privati. La Tabella 3 rappresenta la distribuzione in funzione dei Soggetti Ammessi delle 9.658 RCI inviate: 9.449 richieste relative a Soggetti privati (97,8% delle totale), contro 209 richieste relative a Amministrazioni pubbliche (2,2% del totale).

tabella accesso diretto

A fronte delle 9.658 RCI in Accesso Diretto, le richieste con contratto attivato entro il 31 dicembre 2014 sono state 7.720, di cui 7.599 (98,4% del totale) da parte di Soggetti privati e 121 da parte di Amministrazioni pubbliche (1,6% del totale).

Gli incentivi totali e le richieste con contratto attivato sono pari a circa 23,8 milioni di Euro, di cui circa 20,2 milioni di Euro per i privati e circa 3,6 milioni di Euro per la PA.

tabella soggetto

Gli interventi più frequenti sono quelli riguardanti il solare termico e i generatori a biomasse che costituiscono, insieme, più del 93% degli interventi realizzati, relativi a richieste con contratto attivato.

tipo intervento

grafico accesso diretto

Differenze anche dal punto di vista geografico. Nelle regioni del Sud Italia prevalgono gli interventi sul solare termico, mentre a Nord sono stati realizzati un maggior numero gli interventi legato ai generatori a biomasse, caratterizzati però da importi superiori di spesa sostenuta e incentivi concessi.

richiesta regioni

2. PRENOTAZIONE

Questa soluzione è consentita alle sole Amministrazioni pubbliche ed è relativa ad interventi ancora da realizzare. Nel periodo dal 17 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, le richieste inviate utilizzando la procedura di Prenotazione degli incentivi sono state 131. Di queste, 15 richieste hanno ricevuto una risposta positiva entro la fine del 2014, mentre 94 sono state respinte; le restanti richieste erano ancora in corso di valutazione alla fine del 2014 o sono state annullate dal richiedente.

Prenotazione gse

tipologia prenotazione

3. ISCRIZIONE AI REGISTRI

Nel periodo di attività del Conto Termico, sono stati pubblicati due bandi per l’iscrizione ai Registri per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione dotati di pompe di calore o di generatori a biomasse, di potenza termica nominale complessiva, con riferimento al singolo edificio, unità immobiliare (nel caso di generatori a biomasse, anche fabbricato rurale e serra) maggiore di 500 kWt e inferiore o uguale a 1.000 kWt.

registri

registri2

Tale procedura di Iscrizione è disponibile sia per il pubblico che per il privato. I Soggetti le cui richieste sono state iscritte ai Registri, una volta concluso l’intervento, devono inviare la richiesta secondo la procedura di Accesso Diretto e, dopo l'ok del GSE, devono procedere all’attivazione del contratto. Nessuna delle richieste iscritte nei Registri 2013 e 2014 ha concluso l’iter sopra descritto entro il 31 dicembre 2014.

Secondo il Gse, è stato riscontrato un interesse piuttosto limitato da parte degli operatori, basato su su interventi come generatori a biomasse, nella maggior parte dei casi realizzati (o da realizzare) su serre, e con taglia media di circa 850 kWt.

Per la relazione completa, clicca qui

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Conto termico 2015: quasi 30 milioni per privati e PA. Come funziona

Incentivi rinnovabili: arrivano modifiche al conto termico entro l’estate

Solare termico: conviene più la detrazione fiscale o il conto energia termico?

 

Network