Menu

contotermico

Conto termico, dal 20 maggio è possibile iscriversi ai Registri per richiedere gli incentivi destinati alla sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, destinati sia alla Pubblica Amministrazione che ai privati.

Al via dunque la possibilità di usufruire dei bonus statali. Per la PA la cifra a disposizione sarà pari a 6,93 milioni di euro mentre per quelli realizzati dai Soggetti privati è di 22,29 milioni di euro.

Tempi e modalità. Secondo quanto previsto dal Gse, l'iscrizione ai Registri sarà obbligatoria. Sarà possibile registrarsi dalle 9 di mercoledì 20 maggio alle 21 del 19 luglio. Le richieste dovranno essere trasmesse solo via web accedendo al Portaltermico.

Interventi che hanno diritto agli incentivi. Secondo quanto previsto dal D.M. 28 dicembre 2012, si potranno richiedere gli incentivi nei seguenti casi:

  • a) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica;

  • b) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa;

  • c) installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling;

  • d) sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore.

La cifra prevista per il 2015 vale per gli interventi legati al singolo edificio, unità immobiliare, fabbricato rurale o serra, maggiore di 500 kW e inferiore o uguale a 1000 kW.

Ricorda il Gse che la graduatoria sarà redatta in base alla minor potenza degli impianti, le anteriorità del titolo autorizzativo/abilitativo e la precedenza della data della richiesta di iscrizione al Registro.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Conto termico 2015: quasi 30 milioni per privati e PA. Come funziona

Incentivi rinnovabili: arrivano modifiche al conto termico entro l’estate

Conto termico: ecco gli interventi più incentivati

GreenBiz.it

Network