Menu

g8 450Ad un mese dall’apertura di Expo 2015 non solo le strutture progettate non sono terminate, ma alla questione dei cantieri aperti si aggiunge quella della sicurezza.

In tutti i sensi, visto che i collaudi non si faranno per mancanza di tempo e che intanto spunta il rischio disordini, con un paragone che non ha bisogno di descrizioni: il G8 di Genova.

NON C’ È TEMPO – I cantieri, si sa, sono aperti. Molte strutture non saranno completate ma, soprattutto, non si faranno i collaudi che secondo il programma avrebbero dovuto essere svolti lungo il mese di aprile. Ma i padiglioni non sono stati consegnati entro marzo, quindi tutto slitta, al punto che per i collaudi non ci sarà affatto il tempo.

Non sono indiscrezioni, è l’allarme lanciato da Susanna Cantoni, direttore del dipartimento prevenzione dell’Asl di Milano, che parla di “collaudi tramite autocertificazione” e di “verifiche a campione”. Insomma, se le strutture saranno state edificate a regola d’arte lo diranno i progettisti stessi e non si sa cosa succederà se le verifiche mostreranno differenze tra progetti e realizzazioni. La stessa Cantoni comunque precisa che i controlli sono stati svolti lungo tutta la fase di cantiere e una commissione di vigilanza integrata ha esaminato i progetti.

RISCHIO CAOS – Ma c’è da temere anche per i disordini che potrebbero crearsi al di fuori della zona dei padiglioni, a Milano. E non si parla soltanto di terroristi. I gruppi antagonisti hanno fissato per lo stesso giorno un raduno anticapitalista. In teoria è una manifestazione non violenta, ma chiamerà a raccolta persone da tutta Europa.

E immediatamente la mente torna al 2011 e al G8 di Genova, quando varie frange violente si sono infiltrate nei cortei pacifisti e hanno messo un’intera città a ferro e fuoco. Queste preoccupazioni sono tutte contenute in un rapporto già recapitato alle istituzioni, che non lasciano trapelare nulla ma che sono già al lavoro. E pare che il potenziale di violenza sarebbe 10 volte superiore a quello che abbiamo visto a Genova.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

#Expo2015: opere incompiute, si rimedia con il camouflage milionario

#Expo2015: Coop presenta il supermercato del futuro (VIDEO)

#Expo2015. Coca Cola come sponsor, il padiglione riciclabile e le polemiche

GreenBiz.it

Network