Menu

papa francesco green

Pare che Papa Francesco si sia particolarmente indispettito per la cifra stanziata in occasione di Expo 2015 dal Vaticano. E, intanto, Papa Bergoglio si dimostra sempre più attento ai cambiamenti climatici e all’ambiente, al punto che presto arriverà persino un enciclica.

SPESE FOLLI - 360 metri quadrati, 3 milioni di euro: una sproporzione poco gradita a Papa Bergoglio, o almeno così trapela. Il denaro è stato sborsato da Pontificio Consiglio della Cultura, Conferenza episcopale italiana e arcidiocesi di Milano. Resta il fatto che, ad esempio, era stato stazionato 1 milione dalla Chiesa italiana per il contrasto all’espansione dell’Ebola in Africa, o per Genova appena colpita dall’alluvione a ottobre 2014.

In ogni caso, non ci sono notizie ufficiali di una possibile visita a Milano di Papa Francesco durante Expo 2015, sebbene il problema del cibo e quello dei cambiamenti climatici siano particolarmente sentiti dal nuovo Papa. I contenuti di quella che sarà un’enciclica green sono già all’interno di un video diffuso a febbraio, nel corso dell’anteprima dell’Expo 2015. E il Papa sarà comunque presente in diretta video il giorno dell’inaugurazione.

IL VIDEOMESSAGGIO PRE-EXPO - Così parlava Papa Francesco nel videomessaggio inviato a "Le Idee di Expo 2015 - Verso la Carta di Milano" il 7 febbraio: “In occasione della mia visita alla FAO ricordavo come, oltre all'interesse "per la produzione, la disponibilità di cibo e l'accesso a esso, il cambiamento climatico, il commercio agricolo" che sono questioni ispiratrici cruciali, "la prima preoccupazione dev’essere la persona stessa, quanti mancano del cibo quotidiano e hanno smesso di pensare alla vita, ai rapporti familiari e sociali, e lottano solo per la sopravvivenza. (…) No, a un'economia dell’esclusione e della inequità. Questa economia uccide. Non è possibile che non faccia notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere per strada, mentre lo sia il ribasso di due punti in borsa".