Menu

Coltivare la città tetto 1

A Milano è nata una risaia sul tetto. È stata realizzata presso il Roof di SuperStudio Più, in via Tortona 27, uno spazio adibito ad ospitare mostre ed eventi. Sul tetto dell'edificio è sorto un fazzoletto agricolo di 750 metri quadrati.

Il progetto della risaia sul tetto è stato realizzato su un edificio già esistente in zona Ticinese-Tortona e non rientra tra i padiglioni costruiti da zero per Expo 2015.

Il progetto è legato ai temi "Coltivare la città" e "Nutrire il Pianeta", slogan dell'Expo. "La Risaia sul tetto" è una vera e propria risaia con sette varietà di riso, un orto e un modello di casa in legno e paglia di riso, simbolo della svolta culturale che reintegra l'architettura al ciclo della natura e sostiene la qualità dell'ambiente riducendo i consumi e rimettendo in circolo gli scarti agricoli inutilizzati.

Lo spazio intorno al segno del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto sarà animato, durante i sei mesi dell'Expo, con varie iniziative mirate alla diffusione di una cultura etica della trasformazione sociale e del territorio, a partire dalla simbiosi tra architettura e agricoltura.

Artisti e creativi, architetti e designer, insieme a personalità della scena mondiale coinvolte nella promozione della sostenibilità e della trasformazione sociale, si avvicenderanno in un percorso formativo che avrà come seme di rivoluzione il chicco di riso.

Orti sul tetto e tetti verdi si stanno diffondendo in tutto il mondo soprattutto su edifici pubblici e luoghi di lavoro, con particolare riferimento a stablimenti e ristoranti. Di recente a Chicago è nato uno stablimento con una serra verde sul tetto che permetterà di coltivare 500 tonnellate di prodotti agricoli ogni anno.

La Risaia sul tetto nasce da un'idea di Novacivitas, la società fondata da Cittadellarte-Fondazione Pistoletto per lo sviluppo in campo architettonico e urbanistico, con l'obiettivo di ispirare e produrre un cambiamento responsabile nella società attraverso idee e progetti creativi.

Lo sviluppo del progetto "Coltivare la città" si attua nell'ampliamento del territorio cittadino che avviene innestando il campo urbano con il campo agricolo circostante la città. L'idea di orto-giardino, ora attuata nel centro, si sposta nelle periferie che divengono così un punto di partenza per la trasformazione della società.

Con il progetto della risaia sul tetto si genera prima di tutto la necessità di riconvertire l'esistente e la possibilità di realizzare architetture ad elevato risparmio energetico che riescano a produrre più energia di quella che consumano, secondo le intenzioni di Novacivitas.

Coltivare la Città Nova Civitas 1

Coltivare la Città Nova Civitas 3

Coltivare la Città Nova Civitas 4

Coltivare la Città Nova Civitas 5

Coltivare la città tetto 2

Coltivare la città tetto 3

Coltivare la città tetto 5

In conclusione l'idea è di fare ripartire dall'agricoltura una nuova architettura responsabile e sensibile che non cementifica, ma porta con sé la terza rivoluzione industriale, energetica, sociale, ambientale, alimentare e comportamentale.

Marta Albè

Leggi anche:

Rinnovabili e orto sul tetto: a Chicago apre la fabbrica del futuro

Tetti verdi o fotovoltaico obbligatori su tutti gli edifici commerciali in Francia

Tetti verdi sempre più efficenti per il risparmio idrico e energetico

GreenBiz.it

Network