Menu

formazione verdeFormare nuovi professionisti dello sviluppo sostenibile, capaci di coniugare, a livello mondiale, crescita economica e rispetto per l'ambiente.

Questo l'obiettivo con cui la Scuola Superiore Universitaria IUSS di Pavia e la Tongji University di Shangai hanno dato vita all'"Expo International Master Programme", progetto quinquennale che prevede l'organizzazione di tre master internazionali sulla sostenibilità ambientale aperti a oltre 50 studenti da tutto il mondo, ispirati ai temi delle esposizioni internazionali di Shangai 2010, Yeosu 2012 e Milano 2015.

Il primo dei tre master previsti, "Valutazione ambientale e gestione integrata delle aree urbane", si è già concluso ed è stato dedicato ai temi dell'Expo cinese, ovvero il rapporto tra ambiente e metropoli.

Proprio a Shangai, spiega una nota della Scuola Superiore Universitaria IUSS di Pavia, nata nel 1997 grazie a un accordo di programma tra l'Università di Pavia e il Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, si è infatti tenuta la cerimonia di consegna dei diplomi ai 15 studenti provenienti da Europa, Asia e Africa che hanno terminato il percorso di studi iniziato nel settembre 2010.

Il rettore dello IUSS Roberto Schmid e il prorettore della Tongji University hanno poi siglato l'accordo per l'avvio del secondo master previsto, ovvero "Gestione integrata delle coste marittime", ispirato al tema dell'Expo di Yeosu in corso in Corea, dedicato agli oceani e agli ambienti costieri. Partirà nel prossimo mese di settembre e avrà una durata di 18 mesi, in cui 20 studenti da tutto il mondo saranno selezionati tra studenti in possesso almeno di una laurea triennale nei corsi interessati dalla materia come scienze naturali, ingegneria civile, biologia ed architettura. Patrocinato dal Bureau International des Expositions (Bie), vedrà anche la collaborazione della Chonnam National University della Corea del Sud.

Il primo semestre di lezioni si terrà in Italia, il secondo in Cina e il terzo in Corea. Il corso punta a formare professionisti capaci di valutare lo stato di salute delle coste con particolare attenzione, da un lato, alla morfologia e al profilo geologico dei territori e, dall'altro, all'impatto dell'inquinamento sulla biosfera. Il tutto per favorire lo sviluppo sostenibile delle aree costiere, mantenendo in equilibrio le esigenze economiche dei territori, come ad esempio l'incremento del turismo, con il rispetto ambientale. Prevista, invece, per il 2014 l'organizzazione del terzo master in programma che sarà ispirato al tema dell'Expo di Milano 2015.

Roberta Ragni

GreenBiz.it

Network