Menu

immagineÈ disponibile online, sul sito del ministero dello Sviluppo Economico, l'elenco dei soggetti autorizzati a svolgere corsi di formazione per la certificazione energetica degli edifici.

L'attestato di prestazione energetica degli edifici è uno strumento per valorizzare la qualità degli immobili e costituisce un'opportunità per la creazione di nuove figure professionali e la specializzazione di quelle esistenti.

Il corso per diventare certificatore energetico degli edifici, ricordiamolo, dovrà durare almeno 80 ore, 16 in più rispetto alle 64 precedentemente obbligatorie. L'obbligo di frequentarlo è stato eliminato per chi possiede una laurea in ingegneria aerospaziale e astronautica, biomedica, dell'automazione, delle telecomunicazioni, elettronica, informatica e navale; pianificazione territoriale urbanistica e ambientale; scienze e tecnologie della chimica industriale. Anche i periti industriali con specializzazione in aeronautica, energia nucleare, metallurgia, navalmeccanica, metalmeccanica, non dovranno seguire i corsi.

È una delle principali novità contenute in Destinazione Italia sui Regolamento dei requisiti professionali dei certificatori energetici degli edifici (Dpr 75/2013) e alla disciplina dell'Attestato di Prestazione Energetica. Il decreto interviene, infatti, anche sui contratti senza Attestato di Prestazione Energetica, che saranno considerati validi ma soggetti a multa se entro 45 giorni l'APE non verrà allegato.

Per maggiori informazioni:

- Elenco dei soggetti autorizzati allo svolgimento dei corsi di formazione per certificatori energetici

- Schema di proceduraper l'autorizzazione

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Attestati di prestazione energetica: cosa accade se non si allega l'Ape ai contratti?

GreenBiz.it

Network