Menu

deforestazione agricoltura emissioniLa deforestazione dell’Amazzonia per fare spazio all’agricoltura provoca 54 milioni di tonnellate di emissioni di Co2 ogni anno.

Gli alberi vengono abbattuti o arsi in modo selettivo causando forti emissioni inquinanti che raggiungono l’atmosfera. A confermarlo è un nuovo studio pubblicato su Global Change Biology.

Le foreste pluviali hanno un valore inestimabile, per via della loro biodiversità e della loro importanza per gli ecosistemi globali. Gli alberi svolgono anche la funzione di catturare la Co2, azione che non può più avvenire quando vengono rasi al suolo. Si tratta purtroppo, a parere degli esperti, di un grave contributo al cambiamento climatico.

A preoccupare è soprattutto la deforestazione portata avanti per dare spazio all’agricoltura industriale. La maggior parte degli abbattimenti di alberi vengono effettuati illegalmente. E gli sforzi per proteggere le foreste si rivelano vani.

I ricercatori di Regno Unito e Brasile che hanno condotto lo studio puntano proprio sulla deforestazione come una delle più gravi cause del cambiamento climatico. Fino ad ora tale aspetto sarebbe stato sottovalutato. Si tratta di una vera e propria minaccia per l’ambiente e per il ciclo del carbonio.

Le emissioni causate in un anno dalla deforestazione sarebbero equivalenti al consumo di energia elettrica di 7,5 milioni di case o alla combustione di 125 milioni di barili di petrolio, secondo i calcoli dell’Environmental Protection Agency. La distruzione delle foreste provoca il 40% delle emissioni in Amazzonia, con particolare riferimento all’approvvigionamento di legname e alla rimozione selettiva degli alberi.

Proprio la rimozione selettiva sarebbe difficile da individuare utilizzando le immagini da satellite, che evidenziano la distruzione di vaste aree di foresta, senza scendere nei dettagli. I ricercatori hanno utilizzato un’analisi più minuziosa e hanno lavorato direttamente sul campo.

Così hanno individuato che le aree di foresta che erano state incendiate o interessate da disboscamento selettivo contenevano dal 18% al 57% in meno di carbonio rispetto alle zone intatte. Se la deforestazione delle foreste tropicali cessasse, le emissioni di Co2 potrebbero ridursi di un quinto.

Marta Albè

Leggi anche:

Emissioni Co2: fermare la deforestazione le ridurrebbe di un quinto

Olio di palma: PepsiCo riuscira’ a fermare la deforestazione?

Legno: approvata normativa UE contro importazioni illegali

GreenBiz.it

Network