Menu

giovani agricolturaI giovani in agricoltura sono una risorsa per il Paese. Quali sono le prospettive e le opportunità di lavoro per il futuro? Se ne è discusso al convegno “Giovani in agricoltura” organizzato da L’Informatore Agrario e FederUnacoma. che si è svolto il 13 novembre all’Eima di Bologna, alla presenza del ministro Maurizio Martina e dell’europarlamentare Paolo De Castro.

 

Nomisma ha presentato la propria ultima ricerca, che mette in luce nel contempo il ritorno alla terra e la fuga dalle campagne. La ricerca è stata condotta su un campione di 1125 giovani di età inferiore ai 40 anni, di cui 607 agricoltori.

Per quanto riguarda giovani e agricoltura, sono giunte buone notizie da Bruxelles: “In Parlamento europeo abbiamo ottenuto nella PAC 2014-2020 un aiuto obbligatorio per gli agricoltori under 40, con un incremento del 25% di risorse a loro destinate” - ha dichiarato l'europarlamentare Paolo De Castro. “Per affermarci dobbiamo però rendere più attrattiva l'impresa agricola e più competitiva la nostra agricoltura, in un contesto di aumentata domanda di cibo a livello mondiale e di boom del Made in Italy”.

Gli oltre 160 mila  giovani agricoltori italiani rappresentano a oggi solo il 10% del tessuto agricolo nazionale. “L'agricoltura under 40 è frenata in Italia da un basso ricambio generazionale ma anche da una visione limitante sulle possibilità di sviluppo del settore” - hanno spiegato Massimo Spigola di Nomisma.

Per il campione di 607 agricoltori al centro della ricerca Nomisma 2014, solo l'8,4% pensa che i prossimi anni saranno migliori del passato, influisce negativamente il fatto che il 67,3% dei giovani agricoltori pensa che la società percepisca la professione di agricoltore di status inferiore rispetto ad altri lavori. Dà da pensare, in base alle interviste su 518 giovani non agricoltori in cerca di prima occupazione, che a possibili occupazioni nel comparto agroalimentare vengano preferite le libere professioni e il settore pubblico. In tempi di incertezza economica il 40,7% punta a ottenere stabilità occupazionale, mentre pochi danno priorità a un lavoro non routinario (20,1%) o, tanto meno, a lavorare all'aria aperta (1,7%).

“Occorrerebbe restituire dignità all'attività agricola e consolidare gli strumenti per rendere più competitiva e innovativa l'impresa agricola italiana” ha detto Denis Pantini di Nomisma.

“I giovani, con il loro orientamento all'innovazione e la capacità di aggregazione, rappresentano la chiave per costruire l'agricoltura italiana di domani” - ha detto il Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina. “Dobbiamo uscire da un gap che relega l'agricoltura a “bene di rifugio” per raccontare i casi di eccellenza, agevolare l'accesso al credito e testimoniare le opportunità di reddito. In questo senso, a completamento delle iniziative ministeriali approntate, porteremo in Consiglio a dicembre come strumenti ordinari di formazione e interscambio progetti che favoriscano esperienze oltre confine. Abbiamo significative chance per fare un importante passo in avanti”.

Eppure la formazione in materie agrarie attira sempre più giovani, a  giudicare dai dati forniti dal Consorzio interuniversitario Alma Laurea, diretto da Andrea Cammelli, che monitora 65 università con oltre l'80% di laureati italiani. Dei 132.338 laureati nel 2013 solo 2.719 hanno scelto la facoltà di agraria, che si colloca al 13° posto rispetto a quelle in materie economico-statistiche (20.368) e medico-sanitarie (18.700).

“Tuttavia va segnalato che negli ultimi 8 anni i laureati in agraria sono esplosi, con incremento del 35%, pari a “sole” 600 persone in più” - ha detto Angelo Guerriero, del Consorzio interuniversitario Alma Laurea. Le prospettive di guadagno, oltretutto, non sono  rosee: i laureati in agraria del 2008 ricevono in media 1.275 Euro netti al mese, contro i 1.708 Euro di chi svolge professioni in campo ingegneristico o medico (1.646 Euro). Spiccata la loro propensione a dedicarsi all'agricoltura (36%), mentre il 15% ha optato per il settore manifatturiero e l'8% esercita attività commerciali o negli ambiti dell'istruzione e della ricerca. A parità di formazione le donne trovano minori opportunità di impiego.

Il convegno si è concluso con una tavola rotonda a cui hanno offerto inoltre contributi Matteo Bartolini, Presidente del Consiglio europeo dei giovani agricoltori (Ceja), Raffaele Maiorano, Presidente dei Giovani di Confagricoltura (Anga), Maria Letizia Gardoni, Presidente Coldiretti Giovani Impresa e Maria Pirrone, Presidente Agia, Associazione giovani imprenditori agricoli (Cia).

Marta Albè

Leggi anche:

Lavoro: record assunzioni giovani in agricoltura

5 mosse per il rilancio dei giovani agricoltori (#salonedelgusto)

Occupazione: agricoltura unico settore in crescita, i giovani fuggono in campagna

 

GreenBiz.it

Network