Menu

maxi mungituraUna maxi mungitura pubblica nelle piazze italiane per proteggere il latte Made in Italy. Gli allevatori si sono riuniti oggi in vista dell'addio al sistema delle quote latte, ribadito di recente dall'Unione Europea.

L'evento di oggi è stato definito come la più grande operazione di mungitura pubblica mai realizzata in Italia e nel mondo. Si svolge alla presenza di Ministri del Governo, Governatori delle Regioni, sindacati, politici, esponenti della cultura, dello spettacolo e del mondo economico e sociale.

Tutti questi personaggi trascorreranno insieme "un giorno da allevatore" nelle piazze italiane, dove è stata allestita una vera e propria stalla coperta per gli animali da mungere. L'iniziativa viene presentata come un segno di solidarietà e di sostegno verso gli allevatori italiani che si occupano della fornitura di latte fresco e di formaggi Made in Italy.

Per pubblicizzare l'avvenimento non è mancato l'ormai classico lancio dell'hashtag su Twitter. Ecco allora #stoconchimunge. L'appuntamento è stato fissato per le 9.30 di questa mattina, venerdì 6 febbraio 2015, in diverse piazze del Paese, che includono Piazza Affari a Milano, Piazza del Campidoglio a Roma, Piazza Castello a Torino e Piazza XX Settembre a Bologna.

Appuntamenti analoghi anche a Palermo, Napoli, Cosenza, Bari e Venezia. Hanno assicurato la loro partecipazione il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo e il ministro della Giustizia Andrea Orlando. Sarà l'occasione per presentare il dossier "L'attacco alle stalle italiane".

Pare che all'evento non mancheranno ambientalisti come il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, quello della Lipu Fulvio Mamone, il Direttore Generale di Greenpeace Pippo Onufrio, il Presidente Federparchi Giampiero Sammuri, ed il presidente di Slow Food Carlo Petrini, il tutto condito dalla presenza di personaggi dello sport e dello spettacolo.

Marta Albè

Leggi anche:

Abolite le quote latte per gli allevatori europei

GreenBiz.it

Network