Menu

tettiromaCon la delibera “tetti puliti” vengono stanziati incentivi a favore dei proprietari che rifanno le facciate e installano antenne centralizzate, ma anche per chi bonifica i palazzi dove era stato rintracciato dell’amianto e per chi punta al risparmio energetico. Roma si rifà il look.

È quanto deliberato a luglio – la delibera è la n. 39 del 21 luglio 2015 – e che getta le premesse per una Roma più ecologica e bella, dando nel contempo impulso all’occupazione nei settori dell’edilizia e dell’artigianato”, come recita un comunicato del Comune.

In particolare, la delibera è composta da vari punti e prevede:

esenzione dalla Cosap (Canone Occupazione Spazi e Aree Pubbliche) per i cantieri che lavorano in tutta la città – dal centro alle periferie – alla ritinteggiatura delle facciate dei palazzi cittadini e alla sostituzione delle antenne singole con quelle centralizzate;

piccoli contributi a fondo perduto per i condomìni e i proprietari che ristrutturano (facciate e antenne centralizzate); contributi che arriveranno con il regolamento attuativo, di imminente promulgazione;

storno, in favore degli stessi proprietari e condomìni, di una parte dell’imposta comunale per l’eventuale pubblicità sui ponteggi;

ulteriori incentivi per chi elimina amianto ed eternit e per chi monta impianti a risparmio energetico.

Come ricordano dal Campidoglio, questo bonus potrà combinarsi con le detrazioni Irpef per le ristrutturazioni edilizie e con il “superbonus” per i lavori di adeguamento degli edifici. In sostanza, quindi, i lavori per dare una nuova vita ai vecchi palazzi diventano più economici e il guadagno sarà non solo dal punto di vista dell’immagine ma anche della salute.

Un’occasione su vasta scala per le imprese del settore e un buon restyling cittadino in vista del prossimo Giubileo”, aggiungono dal Comune della Capitale.

Ultimo detaglio, quello sulle tempistiche. I lavori devono essere svolti in 6 mesi al massimo per gli edifici non tutelati e in 9 per le facciate di pregio storico.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Ecobonus, piu' vicina la proroga delle detrazioni oltre il 2015

Edilizia sostenibile: quale futuro? Intervista a Tiziana Monterisi, CEO di Novacivitas

Come rendere una casa a consumi zero in 10 giorni (FOTO E VIDEO)

GreenBiz.it

Network