Menu

economia circolare commisisone europea

L'economia circolare aumenterebbe la competitività europea e permetterebbe di migliorare i risultati della società e le scelte politiche. Lo afferma un nuovo studio.

La Ellen MacArthur Foundation, il Centro McKinsey per le imprese e l'ambiente, e SUN (Stiftungsfonds für Umweltökonomie und Nachhaltigkeit), hanno presentato i risultati di un nuovo studio in occasione della conferenza sull'economia circolare che si è svolta a Bruxelles lo scorso 25 giugno.

Adottando l'economia circolare, l'Europa potrebbe trarre maggiori vantaggi dall'imminente rivoluzione tecnologica per creare benefici concreti nella crescita economica entro il 2030. I risultati sociali sarebbero molto incoraggianti: un aumento di 3000 euro del reddito delle famiglie, una riduzione del 16% del tempo perso a causa del traffico e un dimezzamento delle emissioni di Co2 rispetto ai livelli attuali.

I benefici economici di una transizione all'economia circolare sono evidenti e riguardano soprattutto il risparmio delle risorse primarie, il cibo, la mobilità sostenibile e la protezione dell'ambiente. Il PIL europeo potrebbe raggiungere l'11% entro il 2030.

Per quanto riguarda le emissioni di Co2, si raggiungerebbe una riduzione del 48% entro il 2030 e dell'84% entro il 2050. Inoltre ben 65 pubblicazioni accademiche indicano che il passaggio all'economia circolare avrebbe effetti occupazionali positivi, a partire dai Green Jobs.

La Commissione Europea vuole dunque entrare in gioco con la propria strategia per l'economia circolare e una vera e propria concretizzazione degli obiettivi si potrebbe avere grazie all'introduzione di un toolkit per la transizione all'economia circolare dedicato ai politici.

La Ellen MacArthur Foundation insieme ai risultati della propria ultima ricerca presenta un toolkit dedicato ai responsabili politici che desiderano intraprendere una transizione economica circolare.

Il toolkit integra al rapporto appena presentato una guida per i politici che li possa ispirare alla visione della crescita sulla base dell'economia circolare. I politici avranno a disposizione strumenti per valutare la posizione di partenza di un Paese rispetto all'economia circolare, definire il livello di ambizione e selezionare aree di interesse.

Inoltre potranno valutare le opportunità di economia circolare settore per settore e analizzare le opzioni politiche per superare eventuali barriere, con una valutazione delle implicazioni a livello economico. Il rapporto e il toolkit sull'economia circolare sono stati accolti in modo positivo. L'Europa è pronta al cambiamento?

Consulta qui il rapporto sull'economia circolare della Ellen MacArthur Foundation.

Marta Albè

Fonte foto: earttimes.org

Leggi anche:

Green Jobs: l'economia circolare porterà 200mila nuovi posti di lavoro

Economia circolare: entro il 2020 più occupazione e meno rifiuti

Cancellate le nuove direttive su qualità dell'aria e economia circolare

GreenBiz.it

Network