Menu

terre ai giovani bando lazioTerre pubbliche ai giovani. La Regione Lazio punta sull’agricoltura e sull’occupazione giovanile per rilanciare il proprio territorio e l'economia.

I giovani agricoltori potranno accedere ad un fondo di 500 mila euro per gli investimenti e a ulteriori 150 mila euro per le start up. Sono 320 gli ettari di terra che la Regione Lazio ha messo a disposizione nelle province di Roma e Viterbo.

Si tratta del primo bando pubblicato dopo 45 anni in Italia per la concessione di terre pubbliche, come ha sottolineato Antonio Rosati, presidente dell’Arsial, l’Agenzia Regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura del Lazio. Non si tratta semplicemente di concedere terreni in affitto, ma di un vero e proprio progetto culturale, economico e sociale, legato al piano di promozione per Expo 2015.

L’obiettivo del Presidente della Regione è ambizioso e consiste, dopo aver appurato il buon esito del bando, nel fare in modo che non rimanga nemmeno un metro quadro di terreno incolto o lasciato nelle mani della speculazione. Il Governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, parla a favore delle giovani generazioni:

"Oggi si inizia un percorso, una sperimentazione per la valorizzazione e l'apertura di una fase - ha spiegato - che ha come obiettivo di mettere a disposizione una parte del nostro patrimonio agricolo per promuovere una nuova generazione nel campo della produzione agricola".

Come comunicato dalla sterra Regione Lazio, i fondi stanziati per gli investimenti saranno garantiti alle banche dall’Arsial. L’affitto dei terreni avrà una durata di 15 anni senza tacito rinnovo. L’accordo di affitto potrà essere rinnovato, su richiesta del destinatario, per ulteriori 15 anni. Per quanto riguarda il canone d’affitto, il pagamento verrà richiesto all’inizio del quarto anno e sarà calcolato sulla base dei valori correnti di mercato.

"Il settore agroalimentare continua a crescere, nonostante le difficoltà e la crisi. Dati non definitivi parlano di un +10% nel 2013 per le imprese agricole del Lazio - ha commentato l'assessore Ricci - Siamo consapevoli che non possiamo improvvisare giovani imprenditori agricoli e che questo non è un settore facile, dunque abbiamo costruito una sorta di tutoraggio e di assistenza tecnica".

Per poter consultare il bando bisognerà attendere il prossimo 5 marzo 2014, data in cui è stata fissata la sua pubblicazione ufficiale, a seguito dell’avviso pubblico per la manifestazione di interesse da parte dei cittadini residenti nel Lazio.

Saranno privilegiati i giovani imprenditori agricoli, di età compresa tra i 18 e i 39 anni, ma potranno partecipare tutti gli imprenditori agricoli e i coltivatori diretti attivi nella regione. La presentazione del progetto è avvenuta nella giornata di oggi, lunedì 10 febbraio, alla presenza dei rappresentanti dell’Arsial e della Regione Lazio.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web www.sviluppo.lazio.it.

Marta Albè

Leggi anche:

Apicoltura: in Emilia Romagna un bando da 460 mila euro per sostenerla

Biologico: 2 nuovi bandi da UE e Sardegna

Biologico: bando da 10 mln in Romagna per l'agicoltura bio

Agricoltura: 100 mila nuovi posti di lavoro

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network