Menu

nucleare atomo piccoloA Garigliano il 20 dicembre bando di gara per lo smantellamento dell'isola nucleare. A Latina entro il 31 dicembre completato lo smantellamento dell'edificio turbine. Nei siti nucleari laziali e campani, attività per 178 milioni di euro nei prossimi quattro anni, 1,3 miliardi fino al prato verde.

La Sogin ha presentato ai rappresentanti istituzionali, alle associazioni imprenditoriali e alle organizzazioni sindacali del territorio i risultati economici 2011, l'andamento del 2012 e il programma delle prossime attività di bonifica dei siti nucleari laziali e campani.

La società ha chiuso il bilancio 2011 con un risultato netto di 5,7 milioni di euro, rispetto ai 2,4 milioni del 2010, mentre i ricavi sono stati pari a 245,2 milioni di euro, contro i 201,5 milioni del 2010. Il valore delle attività di smantellamento è stato di 55,5 milioni di euro (25,2 nei siti laziali e campani), oltre due volte quello mediamente registrato nel periodo 2001-2010, il miglior risultato da quando Sogin è stata costituita.

Nel primo semestre 2012 il valore delle attività di smantellamento è stato di 23,9 milioni di euro, contro i 22,1 milioni dello stesso periodo nel 2011. Nel 2012, inoltre, si conferma l'accelerazione delle attività di smantellamento e l'andamento gestionale consente di prevedere una chiusura dell'esercizio 2012 con un volume di attività di smantellamento pari a oltre 60 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto al 2011.

Dei 60 mln 29,3 sono previsti nelle centrali di Latina e Garigliano e negli impianti di Casaccia, con un incremento di oltre il 22% rispetto ai valori previsionali del piano industriale 2011-2015. Per terminare le attività di bonifica dei siti nucleari e per la realizzazione del Parco Tecnologico e Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi, il valore delle attività è di 6,5 miliardi di euro.

"In considerazione dei risultati conseguiti nel 2011 e delle previsioni per il 2012 la Società – si legge in una nota - ha oggi come priorità il rafforzamento della struttura e una maggiore efficienza operativa per sostenere la progressiva crescita delle attività previste nei prossimi anni. Sogin negli ultimi due anni ha ridefinito la policy di committenza e rivisto le procedure riguardanti i sistemi di qualificazione in un'ottica di apertura al mercato".

Al nuovo albo fornitori, diviso in servizi di ingegneria e lavori, può oggi iscriversi ogni genere di categoria professionale, mentre per quanto riguarda il 2011, spiega Sogin, sono state contrattualizzate attività per 148 milioni di euro, con un incremento del 53% rispetto al 2010.

"Sogin – ha affermato l'Amministratore Delegato di Sogin, Giuseppe Nucci, in una nota - dopo aver raggiunto nel 2011 il miglior risultato in termini gestionali ed economici, è impegnata nel dare continuità all'accelerazione impressa alle attività di decommissioning. Il 20 dicembre, con la pubblicazione del bando di gara per lo smantellamento dell'isola nucleare di Garigliano, come annunciato lo scorso anno, passiamo dalle parole ai fatti con l'attacco al 'cuore del sistema'. Anche a Latina rispettiamo i programmi con la fine dei lavori di demolizione dell'edificio turbine entro quest'anno".


Roberta Ragni

GreenBiz.it

Network