Menu

tesla motors 0Il secondo trimestre del 2013 è stato particolarmente significativo per Tesla Motors, la casa automobilistica di Palo Alto che ha puntato tutto sui veicoli elettrici, tra vendite record (grazie all'exploit di Model S, la World Green Car 2013), perdite milionarie e una netta impennata del valore delle azioni.

In una lettera agli azionisti dell'azienda, il CEO e fondatore di Tesla Motors, Elon Musk, sottolinea come le vendite registrate nel secondo trimestre del 2013 abbiano superato di gran lunga le attese, con oltre 5.150 esemplari di Model S venduti in Nord America, contro i circa 4.500 inizialmente auspicati.

Si tratta di un vero record per il marchio californiano che, rispetto al 2012, ha già migliorato notevolmente il proprio ritmo di produzione, passando da 400 a quasi 500 veicoli alla settimana. L'obiettivo dichiarato, e che al momento sembra essere a portata di mano, è di vendere, complessivamente, 21.000 autovetture elettriche entro la fine del 2013.

Sempre nel secondo trimestre del 2013, Tesla ha aperto 7 nuovi concessionari, raggiungendo quota 41 in tutto il mondo (di cui 30 in Nord America, 8 in Europa e 3 in Asia). Il marchio ha già iniziato a presidiare il mercato europeo, con invii di vetture nei Paesi Bassi, in Svizzera e in Norvegia e ordinazioni in aumento costante, e si appresta a sbarcare in Cina.

Degli ottimi risultati, accompagnati da ottimi guadagni, che hanno spinto gli investitori a puntare sul progetto, facendo crescere notevolmente il valore delle azioni di Tesla Motors tra aprile e giugno 2013, con un'impennata del 14% nelle ore immdiatamente successive all'annuncio di vendite e ricavi superiori alle aspettative. L'incremento è ancora più notevole se si considera il valore delle azioni su base annua, con un aumento complessivo del 300%.

tesla motors stock 0

Tuttavia, nonostante l'espansione sui mercati e l'exploit nelle vendite, nel secondo trimestre 2013 Tesla ha anche registrato delle perdite notevoli, pari a 30,5 milioni di dollari, che hanno inficiato l'ottimo risultato commerciale. Non è chiaro se e quanto l'abbassamento generalizzato dei prezzi dei veicoli elettrici che si è avuto negli Stati Uniti abbia potuto influire sul risultato del casa di Palo Alto, che rimane comunque un punto di riferimento indiscusso nel settore delle berline di lusso elettriche.

Basti pensare che, dato anche l'aumento degli ordini a livello globale, che fa prefigurare una crescita del mercato globale delle autovetture elettriche, Tesla Motors sta investendo ulteriormente sull'ampliamento e sull'espansione delle proprie strutture.

Lisa Vagnozzi

LEGGI anche:

Auto elettriche: la migliore è la Tesla Sedan secondo Consumer Reports

Tesla Motors: Musk promette di rimborsare il finanziamento del DoE in metà tempo

GreenBiz.it

Network