Menu

solarroofParliamoci chiaro. Molte persone non possono concedersi il lusso di un tetto solare, la maggior parte non può permettersi un impianto. Oppure quando si vive in un appartamento in affitto si ha a che fare con proprietari che assolutamente non hanno compreso le potenzialità del fotovoltaico e non sentono ragioni.

Ma i nostri risparmi possono comunque sostenere le rinnovabili e un futuro migliore. Da poco in Italia è sbarcata Kickstarter, la piattaforma che permette ormai in 13 Paesi il finanziamento dal basso, tramite crowdfunding.

Ecco intanto dall’estero un elenco di proposte che permettono di sostenere le rinnovabili.

1. MOSAIC – SEMPLICEMENTE CROWDFUNDING

mosaic

Mosaic ha sede in California e a lungo è stata pioniera nel finanziamento delle energie pulite. Con il suo fondatore Bill Parish, si concentra sui prestiti diretti a progetti fotovoltaici di piccola e media taglia che le banche solitamente non finanziano. In sostanza, mette in collegamento i piccoli investitori con progetti reali e permette alle persone comuni di guadagnare mentre sostengono economicamente altre persone comuni nella loro volontà di creare un futuro migliore.

2. WISER CAPITAL – SOSTENERE GLI INVESTITORI VERSO IL SOLARE

wisercapital

La Wiser Capital lavora in uno scenario differente, cercando di sbarazzarsi delle barriere che incontrano gli investitori – amministrative, soprattutto - che non sono molto pratici con le rinnovabili. Perché se ne occupa? Una ricerca della stessa Wiser ha svelato che l’83% degli investitori prevede comunque di investire nel fotovoltaico come priorità nei prossimi 5 anni. Una piattaforma Web connette investitori a progetti di piccole e medie dimensioni per finanziamenti al di sopra di ogni ostacolo. La piattaforma fornisce dati, analisi, metriche, modelli e anche uno strumento di calcolo del rischio, il Wiser Solar Asset Rating (WSAR) Score.

3. ABUNDANCE GENERATION – UN PORTFOLIO VIRTUALE

abundance

Dal Regno Unito, ecco un altro esempio di crowdfunding per sostenere gli investimenti di valore basso. Chi investe carica denaro sul proprio account, utilizzando una carta di credito o debito, poi cerca progetti rinnovabili, legge quanto rischierebbe e quanto guadagnerebbe, legge i documenti dell’offerta e poi sceglie chi finanziare. Spesso sono investimenti a lungo termine, comportano rischi ma il ritorno annuale si aggira attorno al 9% in alcuni casi.

4. WUNDER CAPITAL – INFORMAZIONI DETTAGLIATE PER INVESTITORI ACCREDITATI

wunder

Un po’ come la Wiser, anche la Wunder Capital si concentra su investitori accreditati e utilizza un sito Web per fornire informazioni specifiche su una gamma vasta di progetti fotovoltaici. Ma non è come le società di investimento tradizionali, che non svelano con trasparenza dettagli e parametri davvero importanti per il successo del progetto; la Wunder inserisce moltissime variabili e inserisce i progetti selezionati in vari fondi, sui quali gli investitori possono in vestire anche solo 1.000 dollari, con un ritorno stimato in circa il 6% all’anno.

5. RE-VOLV SOLAR SEED FUND – DONARE COME INVESTIMENTO

revolv

Investire significa pensare a guadagnare, non c’è dubbio. Ma non per tutti. Per alcune persone è semplicemente un dono, indirizzato al supporto di una tecnologia che deve assolutamente diventare mainstream per il bene di tutti. In questo caso Re-Volv è la soluzione perfetta. Le donazioni sono deducibili e finanziano impianti solari di comunità o enti no-profit.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Prosumers e start-up: ecco come cambia il mercato dell'energia al tempo delle rinnovabili

Kickstarter al via in Italia: campagne di crowdfunding anche in euro

Sardex.net: l’economia locale diventa online con valuta propria

GreenBiz.it

Network