Menu

egp impiantoIl Gruppo Enel ha presentato il piano strategico 2016-19, basato su quello presentato a marzo 2015. Si concretizza intanto l'ipotesi di integrazione di Enel Green Power, con le rinnovabili sempre più al centro dello sviluppo futuro del Gruppo.

Secondo una nota del Gruppo, si accelera la creazione di valore nell’ambito dei 4 principi fondamentali e se ne aggiunge un quinto.

Aggiornati gli obiettivi di efficienza, si punta a risparmi di 1,8 miliardi di euro nel corso del periodo 2014-2019, con una riduzione dei costi operativi di 1 miliardo di euro e una riduzione degli investimenti in manutenzione per 800 milioni di euro, facendo leva sulla presenza globale e la flessibilità del business.

Si punta inoltre alla riduzione dei tempi necessari alla creazione di EBITDA e all’aumento di 2,7 miliardi di euro degli investimenti per la crescita per sostenere la crescita industriale, con l’obiettivo di generare un incremento complessivo dell’EBITDA di crescita da 6,7 a 7,2 miliardi di euro nel corso del periodo 2015-2019.

Altro obiettivo, quello di un’ulteriore semplificazione della struttura organizzativa del Gruppo per incrementare la creazione di valore.

Uno dei temi più discussi nelle ultime ore è poi la proposta di integrazione societaria di Enel Green Power, a cui si affianca la riorganizzazione delle attività in America Latina in corso.

Gli azionisti di Enel Green Power riceveranno azioni di Enel di nuova emissione, con un rapporto di cambio di 0,486 azioni Enel per ogni azione EGP portata in concambio. Mentre tutte le attività di EGP verranno quindi integrate in Enel, il titolo sarà delistato. Le rinnovabili sono viste come un motore di crescita del Gruppo Enel e la loro integrazione

“consentirà di accelerare la crescita del Gruppo stesso, attraverso l'aumento della capacità d'investimento di Enel Green Power, permettendo di sfruttare al meglio la sua pipeline e la sua comprovata capacità di realizzazione; una più profonda integrazione tra generazione rinnovabile, reti e mercato retail che permetterà di cogliere nuove opportunità di business sia nei mercati in crescita che in quelli maturi; La veloce implementazione nel Gruppo Enel di best practices sviluppate e ben presenti in Enel Green Power; lo sfruttamento di sinergie commerciali e finanziarie nei paesi in cui sono presenti sia Enel che Enel Green Power".

Le assemblee straordinarie sono previste per l'11 gennaio 2016, mentre il perfezionamento dell’operazione per il primo trimestre del 2016. Gli azionisti di EGP attuali hanno diritti di recesso e di vendita, ma Enel ha dichiarato di voler acquistare le azioni che dovessero rimanere invendute. Valore di liquidazione unitario delle azioni EGP: 1,780 euro. Limite massimo del valore di liquidazione totale: 300 milioni di euro.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Enel studia l’ipotesi integrazione di Enel Green Power

Fotovoltaico: Enel Green Power conquista il Brasile. Al via tre nuovi progetti

Enel, addio alle 23 centrali termoelettriche: un concorso di idee per trasformarle (VIDEO)

GreenBiz.it

Network