Menu

rossanacara

Contro la decisione della Nestlè di disfarsi delle caramelle Rossana (e di Ore Liete) era intervenuta anche Carla Spagnoli, la pronipote della fondatrice della Perugina. Ora però arriva una consolazione: Rossana viene venduta alla Fida di Asti e resta un simbolo del made in Italy.

Alle spalle delle caramelle dalla carta rossa c’era proprio Luisa Spagnoli Sargentini, la stessa che aveva ideato l’ancora più celebre Bacio Perugina. È questo uno dei motivi che hanno deluso particolarmente Carla Spagnoli, al punto da commentare con amarezza a marzo dalle pagine dei quotidiani che le decisioni di Nestlè sono quelle di una multinazionale poco interessata alla qualità dei prodotti e molto al profitto.

Nel piano della Nestlè c’è comunque la volontà di focalizzarsi sullo stabilimento di San Sisto (Pg) e sul cioccolato italiano, come precisato in una nota: "La decisione fa seguito al piano di sviluppo presentato da Nestlé lo scorso 2 marzo che punta a potenziare lo stabilimento perugino di San Sisto per confermarne la posizione come uno dei poli produttivi di eccellenza del cioccolato all’interno del gruppo Nestlé, per rafforzare la posizione dello storico marchio in Italia e per fare di Perugina un simbolo del “Made in Italy” in tutto il mondo. In quest’ottica lo stabilimento di San Sisto si focalizzerà sulla produzione core dell’azienda, il cioccolato di eccellenza".

Forse per le caramelle Rossana questa cessione è un vantaggio, rappresentato da un passo indietro verso un made in Italy non soltanto rispecchiato dal naming ma anche dalla proprietà del brand. Tutto passa infatti nelle mani di Fabio e Maurizio Balconi e della loro Fida, che propone già sul mercato Bonelle, Sanagola, Charms, Gocce, Tenerezze, Gnammy e Irresistibili e ha già acquisito brand dalle multinazionali.

Balconi è un nome noto nell’industria alimentare, ma merendine e prodotti da forno sono invece stati ceduti al fondo di private equity Clessidra, quindi sono passati alla Valeo Food. Oltre a Rossana il passaggio comprende anche Fondenti, Glacia, Fruttallegre, Lemoncella e Spicchi. La produzione sarà italiana, nel sito produttivo di Castagnole delle Lanze.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Biscotti Krumiri e caramelle Rossana: saranno presto solo un ricordo?

Unilever acquisisce il gelato Grom. La gestione resta in Italia

Il TTIP e i cambiamenti climatici mettono a rischio il vino italiano. In agguato il falso Made in Italy

GreenBiz.it

Network