Menu

bastioli terna 450x300L’assemblea di Terna è prevista per il 27 maggio, intanto il Cda di Cassa depositi e prestiti Spa – che ne controlla il 29,8% - ha indicato il nome del presidente, Catia Bastioli, molto vicina al mondo della green economy, e quello dell’ad, Matteo del Fante.

CANDIDATI AL CDA – Ecco anche gli altri nomi emersi, quelli dei candidati a sedere nel CdA della società: Simona Camerano, Carlo Cerami, Fabio Corsico e Stefano Saglia. Come sindaci effettivi, per il collegio sindacale sono stati indicati Vincenzo Simone e Alessandra Zunino de Pignier; come sindaci supplenti, Renata Ricotti e Cesare Mantegazza.

VERSO L’ASSEMBLEA – Il Cdp proporrà di fissare a 9 il numero degli amministratori, che resteranno in carica per 3 esercizi, con scadenza coincidente alla data dell'assemblea che sarà convocata per approvare il bilancio relativo all'esercizio 2016.

I COMPENSI - Verrà confermato nella stessa assemblea il compenso dei membri del CdA: 50.000 euro annui lordi per il presidente e 35.000 euro annui lordi per ciascuno degli altri amministratori, oltre al rimborso delle spese sostenute. Verrà anche confermata la retribuzione dei membri effettivi del Collegio Sindacale: 55.000 euro annui lordi per il Presidente del Collegio Sindacale e 45.000 euro annui lordi per gli altri sindaci effettivi, oltre al rimborso delle spese sostenute.

CATIA BASTIOLI – Il nome della Bastioli era annunciato da tempo e ha destato la soddisfazione del mondo della green economy. Non solo, il suo nome viene visto come un segnale, una sorta di emblema nella fiducia riposta in un futuro da leggere in chiave sostenibile da sguardi di amministratori attenti a queste istanze.

Catia Bastioli incarna la volontà del governo Renzi di tenere in considerazione le quote rosa nelle nomine delle società partecipate, ma soprattutto è una scienziata. È il simbolo della chimica verde che si fa largo, è l’ad di Novamont e a lei dobbiamo il brevetto del MaterBi, che gli italiani ormai conoscono bene come “il materiale di cui sono composti i nuovi sacchetti di plastica”.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Nomine partecipate: le reazioni dei protagonisti della green economy

Nomine partecipate: 11 donne nei cda, speranze green riposte in Bastioli e Starace

GreenBiz.it

Network