Menu

email smartphoneIl governo francese sta per proporre una nuova regola: i lavoratori avranno il diritto a disconnettersi quando sono fuori ufficio. Niente e-mail e niente smartphone, dunque, se lo preferiscono.

Nessun obbligo di controllare la posta elettronica quando non si è in ufficio: ma è solo uno degli step per rendere la Francia un Paese più business-friendly, tutelando i diritti di chi lavora.

Al momento esiste solo una bozza del documento che sarà proposto perché diventi legge e include anche la famosa regola delle 35 ore settimanali, che dovrebbe portare a più assunzioni, contraendo quindi il numero delle ore lavorative classiche (39).

In realtà si tratta di una novità già introdotta nel 2000 e poi trasformata più volte perché fosse meno rigida. Alcune aziende l’hanno comunque applicata nel frattempo.

I sindacati hanno più volte fatto pressioni per il “diritto alla disconnessione”, sostenendo che la tecnologia ha di fatto creato un’esplosione di lavoro extra, non pagato come tale ma preteso.

In altre parole, controllare la posta elettronica è diventata spesso una prassi che il datore di lavoro considera scontata, ma che per il lavoratore significa continuare a prestare servizio anche durante il tempo libero. In alcune aziende però è stata anticipata la normativa e i sistemi di posta elettronica, durante la notte, vengono del tutto spenti.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Salute in ufficio: le cure dolci e i consigli dell’esperto per chi passa troppe ore al computer

E-mail: il datore di lavoro può controllare la casella aziendale dei dipendenti

Lo smart working diventa legge. Stessi diritti per chi lavora da casa

GreenBiz.it

Network