Menu

ilovemumPer le mamme lavoratrici e i loro bambini a Roma nasce un coworking particolare, quello ospitato dalla Casa Internazionale Delle Donne a Trastevere. Si chiama I Love Mum. Qui è disponibile non solo una postazione per il lavoro ma anche uno spazio giochi e un servizio di babysitting.

I Love Mum è emblema di quanto sta accadendo nel mondo del lavoro. Lo smart working è legge e per le neomamme è sicuramente un vantaggio. È possibile lavorare anche senza recarsi in ufficio, quindi il coworking diventa per molti – non solo per le mamme ma per molti liberi professionisti in genrale – una soluzione ideale.

A Trastevere, I Love Mum offre un loft che si affaccia su un cortile alberato. Sono disponibili 10 postazioni con connessione ad Internet, ma anche un’area riunioni dedicata a meeting, incontri e scambi, una zona lounge e bar, ma soprattutto zone per accudire i propri bambini e un servizio di babysitting, che si può abbinare al coworking in una formula speciale di abbonamento.

Inoltre, all’interno della Casa internazionale delle Donne inoltre sono presenti diverse associazioni e consorzi di assistenza e consulenza legale, ginecologica e psicologica.

Questa la mission riportata online, su ilovemum.com: “Vogliamo dare ai neo genitori l’opportunità di non abbandonare le proprie ambizioni lavorative e più in generale alle donne la possibilità di non dovere scegliere tra lavoro e famiglia. Vogliamo creare uno spazio aperto a tutti dove poter lavorare, portare i propri figli e allo stesso tempo coltivare in tranquillità un sano ozio creativo. Un’ambiente accogliente per adulti e bambini, a costi sostenibili”.

Il progetto è di Eva Barrera Meazzini e Serena Cinquegrana per l’Associazione di Promozione Sociale Female Cut, attiva sul territorio nell’organizzazione di eventi e nella valorizzazione della creatività e del lavoro al femminile. Il progetto ha ottenuto il finanziamento della Regione Lazio nell’ambito dell’avviso pubblico “Innovazione: sostantivo femminile” (Regione Lazio Det. n. G03546 del 21 marzo 2014).

L’annuncio del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti su Facebook non è stato accolto con molto entusiasmo, a dire il vero. C’è chi lamenta che sia un’idea inutile, dedicata solo a mamme già avvantaggiate perché libere professioniste, con un’auto propria e spostamenti agevoli, mentre la gran parte delle mamme oggi avrebbe bisogno di asili e nido più attrezzati, aziendali e low cost. Tutto vero, ma è impossibile negare che la sharing economy e lo smart working siano una soluzione ottimale che permette spesso di rimediare a quanto dalle istituzioni ancora purtroppo non è stato fatto.

Abbiamo realizzato un luogo dove le neo mamme possono lavorare e nello stesso tempo accudire i propri bambini. Si trova... Pubblicato da Nicola Zingaretti su Mercoledì 24 febbraio 2016

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Lo smart working diventa legge. Stessi diritti per chi lavora da casa

Hoffice: il coworking svedese gratuito dove gli uffici sono le case dei colleghi

Donne e lavoro: in Italia il 44% rinuncia ancora alla carriera

GreenBiz.it

Network