Menu

lego brand financeLego è il brand più potente e influente del mondo. Ha superato Ferrari, che scende al nono posto. In seconda posizione troviamo Pwc, in terza Red Bull. A rivelarlo è la nuova classifica della società di consulenza Brand Finance.

Vittoria per il marchio danese, che negli anni continua ad attirare l'attenzione affascinando sia i bambini che gli adulti. Merito sia dei genitori nostalgici che della loro volontà di stimolare la creatività dei figli con giocattoli che vadano oltre le nuove tecnologie.

Un tuffo nel passato che giova all'azienda dal punto di vista della popolarità. Ferrari fino allo scorso anno deteneva il primo posto nella classifica, ma per quest'anno la casa automobilistica ha dovuto cedere alla crescita del colosso dei mattoncini giocatolo.

Sembrano lontani i tempi di gloria per il Cavallino, negli anni Novanta. La crisi economica incide ormai anche sui beni di lusso. Secondo Brand Finance, in ogni caso, Ferrari riesce a mantenere una posizione di tutto rispetto, dato che il valore del brand è aumentato del 18%, equivalente a 4,7 miliardi di dollari. Dunque i guadagni per Ferrari restano, ma calano la fama e il prestigio.

In ogni caso, secondo Brand Finance, l'uscita di scena di Luca Cordero di Montezemolo lascia prevedere un piccolo cambio di strategia nella divisione auto da strada. Montezemolo aveva mantenuto un rigido tetto di produzione per mantenere l'esclusività del marchio. Mentre già in partenza Sergio Marchionne ha suggerito che tale politica verrà ammorbidita per aumentare i ricavi.

Tra i marchi più dinamici troviamo Twitter, mentre per la classifica basata sul valore, e non sull'influenza dei marchi stessi, al primo posto ecco Apple, salda in cima alla lista. Subito dopo Apple ecco Samsung e Google.

Secondo Brand Finance: "Lego è un gioco senza eguali, estremamente coinvolgente e creativo. I bambini lo amano perché consente loro di creare i propri personalissimi mondi. Inoltre, in una realtà satura di tecnologia, i genitori approvano il ritorno ad una creatività antica e sentono nostalgia per un brand che li ha accompagnati nella loro infanzia".

La prima posizione di Lego è determinata soprattutto dalla fidelizzazione dei consumatori, dalla loro soddisfazione e dal senso di familiarità con un prodotto amato generazione dopo generazione, dai nonni ai nipoti. Non conta dunque soltanto il puro marketing per la popolarità di Lego.

Consulta qui il rapporto Brand Finance 2015.

Marta Albè

Leggi anche:

Lego: stop a contratto con Shell per salvare l'Artico

Lego dimentica l'ambiente, commercializzati giocattoli brandizzati Shell

GreenBiz.it

Network