Menu

europe sustainability 0La revisione delle politiche europee in materia di sostenibilità, con un approccio più ambizioso nei confronti di temi quali la biodiversità, i cambiamenti climatici e l'efficienza energetica, potrebbe valere ogni anno circa 300 miliardi di euro.

Investire in sostenibilità potrebbe portare notevoli vantaggi economici alla UE: lo sostiene un nuovo report del WWF, che invita la Commissione Europea a perseguire politiche ambientali più incisive e di più ampio respiro, ricordando il notevole costo economico dell'inazione o del cosiddetto business-as-usual.

Basti pensare ai danni causati alle persone e alle cose da alluvioni sempre più frequenti, con una spesa che, negli ultimi 10 anni, ha toccato quota 150 miliardi di euro, oppure all'inquinamento dell'aria, che danneggia la salute umana e che costa oltre 500 miliardi euro all'anno.

Il rapporto, From crisis to opportunity: five steps to sustainable Europea economies, contiene informazioni e dati provenienti da oltre 400 studi indipendenti, realizzati da enti e istituzioni quali le Nazioni Unite, la Banca Mondiale, OCSE, McKinsey, Lord Stern e la stessa Commissione Europea, e delinea le strategie che potrebbero portare a rendere più verde e più redditizia l'economia europea, cessando di ragionare sul breve termine e adottando, finalmente, una prospettiva ambiziosa e di lungo respiro.

Non è un caso che il report sia stato pubblicato proprio nella settimana in cui i Ministri delle finanze dei Paesi UE si incontrano a Bruxelles per discutere il piano di investimenti del valore di 315 miliardi di euro proposto dalla Commissione Juncker.

"Invece di seguire la narrativa miope del 'continuare a sporcare per pulire più avanti', il Presidente Juncker e i leader europei dovrebbero prestare attenzione ai sintomi reali delle nostre economie in difficoltà: la diminuzione delle materie prime e l'incapacità dei mercati di tenerne conto." – ha dichiarato in un comunicato Sébastien Godinot, economista del WWF e autore del report – "Invece è semplicissimo: nessuna economia può svilupparsi senza risorse naturali."

"La sostenibilità" - continua Godinot - "può portare enormi benefici all'economia, per un valore annuo superiore a quello del piano di investimenti di Juncker e creando 20 milioni di posti di lavoro entro il 2020. Come? Soprattutto utilizzando meno risorse e meno energia, rimediando ai fallimenti del mercato e tutelando la natura in Europa."

Lisa Vagnozzi

LEGGI anche

Rinnovabili raddoppiate in Europa: Italia al 13° posto

La lobby del carbone influenza le nuove norme UE sull'inquinamento dell'aria

15 ragioni per fare di piu' per l'ambiente in Europa nel 2015

You have no rights to post comments

Chi siamo

Network