Menu

climatechange deserto 600x400

Ai piani alti delle aziende sono consapevoli dei rischi legati ai cambiamenti climatici e alle opportunità che avrebbero contrastandoli, ma ancora non si traduce questa consapevolezza in programmi concreti.

È quanto emerge da un nuovo report firmato Carbon Trust, che sottolinea come le azioni di business non siano ancora nemmeno sufficienti a raccogliere la sfida ambientale più difficile di sempre.

TITANS OR TITANICS? – “Titans or Titanics? Understanding the business response to climate change and resource scarcity” è il titolo del report, basato su una serie di interviste a 229 decision-makers di Paesi come Regno Unito, Sudafrica, Sudest Asiatico, America Latina e Usa, oltre che ad esperti di finanza, business, politica e membri della società civile.

I RISULTATIIl 76% ha dichiarato di vedere i rischi diretti dei cambiamenti climatici, l’84% di aver preso atto delle opportunità di business che potrebbero nascere da un futuro sostenibile.

7 intervistati su 10 dicono poi di aver avuto fiducia in un’azione combinata di governi, consumatori e investitori per fare pressioni alle aziende nella strada verso una produzione sostenibile, con nuovi modelli e l’applicazione di nuove tecnologie. Il 50% dichiara invece che ci sarebbero cambiamenti fondamentali in prodotti, modelli di produzione e di business e di servizi se i driver verso la sostenibilità fossero più incisivi.

Non sono risultati nuovi, fanno eco ad altri studi che hanno spesso rimarcato esiti simili: la consapevolezza non si traduce in strategie di de carbonizzazione che possano condurre alla riduzione delle emissioni tanto incriminate dagli scienziati.

Ecco perché il report parla di 2 realtà vissute dagli uomini di business: riconoscono e accettano i riscui ma continuano a concentrarsi sul breve termine, senza aver chiara una vision sulle modalità per gestire nella pratica la transizione.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

#Parigi2015: anche le aziende devono aiutare i Paesi piu' poveri contro i cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici: lo scettico Santorum tenta di zittire Papa Francesco

25 testate si impegnano a portare i cambiamenti climatici in prima pagina (#Parigi2015)

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network