Menu

cambiamenti climaticiCome rilanciare l'economia globale di fronte a cambiamenti climatici e perdita della biodiversità? Il futuro del settore privato potrà trovare una nuova via di sviluppo del proprio business se saprà adattarsi ai rapidi cambiamenti ambientali e sviluppare beni e servizi che aiutino a ridurre l'impatto dell'umanità e del settore produttivo su biodiversità, clima, risorse idriche e qualità dell'aria. Si tratta di quanto comunicato da parte dell'Unep, il programma ambientale delle Nazioni Unite.

I cambiamenti climatici ed ambientali potrebbero porre a rischio la disponibilità delle risorse materiali necessarie per la realizzazione di nuovi prodotti da immettere sul mercato. Per arginare il problema è necessario giocare d'anticipo ed iniziare fin da ora a tutelare quanto il pianeta ci offre ed a cercare delle alternative.

Ecco quanto emerge da "GEO-5 for Business: Impacts of a Changing Environment on the Corporate Sector", il più recente rapporto pubblicato dall'Unep. Esso sottolinea quanto siano effettivi i cambiamenti climatici e la riduzione delle risorse naturali e presenta le decisioni creative che potrebbero essere intraprese dai privati per affrontare le sfide del futuro. Unep fornisce i propri suggerimenti suddividendoli per settore.

1) Edilizia e costruzione

Il settore rimane vulnerabile rispetto al mercato dell'energia ed alla crescita dei costi energetici per la produzione di acciaio, cemento ed altri materiali. La scarsità d'acqua potrebbe compromettere le potenzialità di sviluppo in alcuni luoghi. Il settore potrebbe essere rilanciato grazie alla proposta di nuovi edifici e infrastrutture all'insegna di un maggior rispetto di ambiente e risorse.

2) Industria chimica

La realizzazione di prodotti chimici richiede una quantità ingente di acqua. È necessario per il settore agire per il risparmio idrico e per ridurre le emissioni inquinanti. La domanda del futuro aumenterà in merito a prodotti chimici maggiormente sostenibili, tecnologie per la purificazione e la distillazione dell'acqua, accompagnati da un vero impegno per la riduzione dell'impatto ambientale.

3) Energia

Entro il 2035 la richiesta globale di elettricità potrà essere superiore del 70% rispetto al 2009. Nuove opportunità per il settore, all'insegna del rispetto dell'ambiente, saranno basate sull'abbandono del carbone e sul progresso delle tecnologie relative alle energie rinnovabili.

4) Settore estrattivo

I cambiamenti climatici e l'ampliamento delle aree protette potrebbero ostacolare il settore estrattivo. Nuove opportunità potrebbero però giungere dalla ricerca di metalli da utilizzare per la produzione di nuovi strumenti destinati alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

5) Finanza

È necessario per la finanza stabilire dei piani in previsione dei cambiamenti climatici. È possibile che aumentino le richieste assicurative per quanto riguarda il timore di eventi climatici gravi. Le istituzioni finanziarie dovranno rivolgersi alla comunità scientifica per conoscere dati precisi in merito, in modo da pianificare la propria azione.

6) Industria alimentare

La produzione di cibo e bevande richiede ingenti quantitativi d'acqua. L'innalzamento delle temperature potrà mettere a rischio agricoltura e settore ittico. Vi potrà essere un'apertura dei mercati verso alimenti più sostenibili e biologici. Le aziende con certificazione di sostenibilità potrebbero attirare una maggiore attenzione da parte dei consumatori.

7) Salute

La perdita della biodiversità limiterà la scoperta di nuove sostanze naturali da utilizzare in nuovi medicinali o come rimedi tradizionali. L'inquinamento dell'aria e dell'acqua potrebbe portare ad una crescita nella richiesta di cure e dunque ad uno sviluppo del settore della sanità.

8) Informatica e telecomunicazioni

Il consumo di energia elettrica e l'aumento dei rifiuti elettronici rappresentano due dei maggiori problemi del settore, che dovrà concentrarsi sulla riduzione dell'impatto ambientale dei propri materiali. Una crescita del settore potrà riguardare una maggiore domanda di raccolta e archiviazione di dati ambientali e la creazione di prodotti che possano contribuire ai miglioramenti in altri settori, come sistemi per una più efficiente gestione energetica negli edifici.

9) Turismo

Si prevede che per il settore turistico la domanda in futuro possa crescere soprattutto in relazione ai viaggi all'insegna della natura e all'eco-turismo. Sarebbe dunque possibile puntare su di una maggiore svolta sostenibile per il settore turistico, che potrebbe essere svantaggiato in alcune zone dai cambiamenti climatici, dalla scarsità d'acqua e dalla biodiversità in declino.

10) Trasporti

Il futuro sarà probabilmente di coloro che riusciranno ad offrire soluzioni di trasporto maggiormente sostenibili, con particolare riferimento alla movimentazione delle merci. Si prevede un'espansione del mercato verso le tecnologie low-carbon e in grado di garantire un vero e proprio risparmio del carburante.

Marta Albè

GreenBiz.it

Network